Work Of Art - Exhibits
Un disco di hard rock vecchia maniera , in cui l'appeal istantaneo ha sicuramente la meglio sull'inventiva


Articolo a cura di Federico Barusolo - Pubblicata in data: 14/11/19
Erano passati 5 anni dall'ultimo lavoro in studio dei Work Of Art, terzetto AOR dalle forti ispirazioni ottantiane alla Giant, Journey e, soprattutto, Toto. Con "Exhibits", la band svedese porta in scena un lavoro che era in cantiere da oltre un anno e mezzo e che ha coinvolto, oltre ai membri della formazione, un gran numero di ospiti, tra i quali spicca la presenza di Vince DiCola alle tastiere di "This Isn't Love".

"Exhibits", uscito via Frontiers Records, è un disco di hard rock vecchia maniera, nel quale, oltre all'ovvio dominio delle chitarre, si registra il dominio della tastiera, i cui tappeti sonori costituiscono l'elemento realmente caratterizzante del sound dei WOA. Un disco sicuramente immediato, in cui l'appeal istantaneo ha sicuramente la meglio sull'inventiva e l'originalità del songwriting. Si fanno apprezzare una tecnica invidiabile e un'ottima produzione. 
 
 



Intervista
Il punk ai tempi di Trump: Pat, Anti-Flag

Intervista
Apocalyptica: Eicca Toppinen

Speciale
David Bowie - Mille vite in 30 canzoni pt.3

Speciale
David Bowie - Mille vite in 30 canzoni pt.2

Speciale
David Bowie - Mille vite in 30 canzoni pt.1

Speciale
SpazioUnderground - Bet On Them: The Stone Garden