Wilderun - Veil Of Imagination
Il quintetto statunitense mette la firma su un album vibrante, nel quale prog, symphonic e death metal vengono fusi con maestria


Articolo a cura di Lucia Bartolozzi - Pubblicata in data: 23/07/20

Seconda release per il terzo album dei Wilderun "Veil Of Imagination", inizialmente autoprodotto e ora disponibile via Century Media Records. Sin dall'inizio, con la lunga "The Unimaginable Zero Summer" una cosa è chiara: i ragazzi di Boston hanno ben assimilato la lezione di band come gli Opeth, impreziosendo il lavoro con il proprio personale apporto. L'album incorpora prog e sezioni death metal su uno sfondo symphonic, dovuto in particolare modo all'inserimento di parti orchestrali e cori, ma soprattutto riconoscibile nel sound che unisce tutto l'album e ricorda vagamente la colonna sonora di un videogioco fantasy, con una buona coesione tra le varie tracce. Tale impressione viene ulteriormente stimolata dalla presenza di un narrato, che introduce il primo pezzo e chiude l'album. Il brano che forse pone un attimo di pausa nel ritmo dell'album, già variato da "Sleeping Ambassadors Of The Sun", si identifica nella versione strumentale di "Scentless Core", mentre viene dato maggiore respiro sull'attacco e sul chorus epico di "Far From When Dreams Unfurl", arricchita dai virtuosismi chitarristici che espldono a metà pezzo.


Analizzando anche il precedente album "Sleep At The Edge Of The World", pubblicato 4 anni fa, è lampante quanto la band abbiamo lavorato su questa nuova pubblicazione. La produzione ha forse il leggere difetto di appiattire in molti frangenti il basso e la batteria, favorendo d'altro canto l'orchestra e le parti di piano. La forza dell'album sta nel suo essere vibrante e nella creazione paesaggio sonoro personale, definito dai anche dai testi. Testimonianza di ciò è la conclusiva "When The Fire And The Rose Were One", la cui melodia morbida si acquieta sui versi di T.S. Eliot che hanno ispirato il titolo: è come se il velo dell'immaginazione fosse infine scostato.

 




Recensione
Bruce Springsteen - Letter To You

Intervista
Cindy Blackman Santana: Cindy Blackman Santana

Speciale
L'angolo oscuro #11

Speciale
Stardust - Highway To Heartbreak

Speciale
Sinner's Blood - The Mirror Star

Speciale
Keep Playing, Eddie!