ESCLUSIVA: ascolta lo streaming di "Sicko"
L'omonimo debut album dei Sicko si presenta come una personale e fresca rivisitazione della scena ‘90s


Articolo a cura di SpazioRock - Pubblicata in data: 27/05/19

Ruvido e diretto come la traccia di apertura "Rather Be", l'omonimo debut album dei Sicko si presenta come una personale e fresca rivisitazione della scena ‘90s. Nonostante l'influenza di Seattle sia evidente, il quartetto riesce a riproporre in modo originale la forza delle atmosfere grunge. Si passa infatti da brani incalzanti e martellanti come "Let Me In" - primo singolo estratto dal disco - in cui il sound riecheggia la forza della scena industrial e stoner (QOTSA e NIN su tutti), a episodi più melodici come "Happy Hour Love", "Lazy" o "I'm On My Period With All The World", dove è evidente l'influenza di una certa scena rock e crossover west coast.

 

Un altro mood caro alla band è quello legato alle atmosfere cupe e ipnotiche di matrice post rock e trip hop come, ad esempio, in "Lonely Star" o in "Lost In A Daze". Non mancano inoltre ballad lancinanti come "Nothing Special" - che parrebbe uscita dalla penna di Cornell - o episodi più smaccatamente punk e naif di nirvaniana memoria ("Carry It Away"). Il lavoro si presenta solido e compatto e con una ampia gamma di colori, merito anche della produzione del Grammy Award winner Riccardo Damian.

 




Speciale
Sei valide ragioni per partecipare al Copenhell

LiveReport
Sziget 2019: la 27esima rivoluzione dell'amore - Budapest 07/08/19

Intervista
Twilight Force: Alessandro Conti (Allyon)

Recensione
Equilibrium - Renegades

Recensione
Slipknot - We Are Not Your Kind

LiveReport
Metal for Emergency 2019: Anthrax, Destrage & more - Filago 04/08/19