Broadside - Into The Raging Sea
Il quartetto pop punk amplia suoni e sentimenti, mettendo la firma su un album pi¨ vario rispetto ai precedenti


Articolo a cura di Maria Chiara Cerra - Pubblicata in data: 06/08/20

Per i fan di una band cresciuta a pane e pop punk come i Broadside, può risultare quasi straniante leggere il titolo e guardare la copertina tenebrosa del nuovo album "Into The Raging Sea", soprattutto considerando i due lavori già pubblicati in precedenza e i più recenti singoli "King Of Nothing" e "Empty", colmi di energia e di una positività contagiosa. Ma le sorprese riservate dalla band della Virginia sono meno di quanto ci si possa aspettare a primo impatto.

 

Se infatti l'opener "The Raging Sea" si differenzia dalla produzione passata del quartetto, prediligendo tematiche e suoni più dark e malinconici, già con la successiva "Foolish Believer" veniamo accolti nuovamente nel mondo a colori a cui i Broadside ci hanno sempre abituato. L'album si mantiene quindi su questa stessa lunghezza d'onda quasi per l'intera durata, andando sul sicuro con ritmi travolgenti ("Overdramatic"), ritornelli orecchiabili, testi sognanti ("Heavenly") e brani più dolci, come "Dancing On The Ceiling (With You)". Le novità vengono poi riproposte nei brani conclusivi, come "Burning At Both Ends", pezzo melodico e basato sul piano.

 

Forse i Broadside non sono completamente cambiati, ma in questo nuovo "Into The Raging Sea" ampliano la gamma di suoni e sentimenti proposti, andando a mettere la firma su un album più vario e leggermente più dark rispetto ai precedenti. Come ad ogni temporale segue un arcobaleno, così ad ogni dolore segue una successiva crescita.

 




Recensione
Deftones - Ohms

LiveReport
Lamb Of God - Self Titled Album Global Stream - Richmond, Virginia 18/09/20

LiveReport
Black Anima - Live from the Apocalypse 2020 - Milano 11/09/20

Recensione
Napalm Death - Throes Of Joy In The Jaws Of Defeatism

Speciale
L'angolo oscuro #9

Recensione
Finntroll - Vredesvńvd