White Void
Anti

2021, Nuclear Blast
Hard Rock

L'esordio della band, composta da quattro musicisti molto eterogenei, sorprende per l'efficacia nell'esplorare territori decisamente insoliti
Recensione di Federico Barusolo - Pubblicata in data: 14/03/21

Il paradosso è un concetto logico e filosofico tanto bizzarro quanto incredibilmente interessante. Partendo dall'assurdo, dalla fuga da un sistema di schemi statici, che come scatole compongono la nostra esistenza, permette alla curiosità umana di dare forma ad una nuova serie di punti di vista. È un paradosso una filosofia che nasce come la negazione della filosofia, non potendo che diventare di fatto un'anti-filosofia; così come un genere musicale, il black metal, che dalla sua acromaticità fa nascere una varietà di colori e sfumature.


"Anti", release di debutto per Nuclear Blast di Lars Nedland (Solefald, Borknagar) con la formazione dei White Void (con lui Tobias Solbakk, turnista di Ihsahn, Vegard Kummen e il chitarrista blues-rock Eivind Marum), è questo e molto altro. Con una sorta di concept album ispirato al pensiero assurdista di Albert Camus, volto a smontare la convinzione umana di poter dare un significato alla propria esistenza e ad un universo che ha come unico motore il caos, Nedland inverte la propria direzione musicale sia da un punto di vista stilistico che cronologico, addensando una grande quantità di ispirazioni hard rock e blues anni '70 e '80 in un tessuto insolitamente melodico.


L'incipit di "Do. Not. Sleep" è in medias res, così come la quasi totalità delle tracce dell'album, che sembrano catapultarci senza troppo preavviso nello spesso e ruvido strato di chitarre alle quali sono affidate, dall'inizio alla fine, le redini del disco. In questo senso, la opener è già di per sè una dichiarazione convincente della natura di "Anti", diretta, pirotecnica... che ci sono le chitarre lo abbiamo già detto?

 

whitevoidlogo57

 
Le tracce si susseguono con una buona efficacia, affondando le radici nel patrimonio di band come i Black Sabbath e, soprattutto, i Deep Purple, e corredandosi di elementi psichedelici e di sonorità new wave. A proposito di ciò, un riferimento nordico praticamente onnipresente tra le righe di "Anti" è quello dei Ghost; due esempi lampanti sono "There Is No Freedom But The End" e "The Shovel And The Cross", ma in generale è qualcosa che percepiamo costantemente nell'approccio vocale di Nedland, soprattutto nei momenti di apice della sua solennità. "The Air Was Thick With Smoke" chiude la release con un piglio diverso, sicuramente molto più pop dove stavolta a dominare sono i synth, altro elemento ampiamente presente nell'album.

 

"Anti" è un lavoro energico, divertente e immediatamente coinvolgente, con un sapore retrò che non appare finto o riciclato. Gli unici appunti potrebbero riguardare qualche spinta eccessivamente melodica in un disco che di fatto mantiene un'anima oscura e nichilista. Qualche problemino riguarda la produzione, non tanto per la carente pulizia e dinamicità dei suoni, che giustamente non erano obiettivo di un lavoro come questo, ma per un mixing che ha eccessivamente privilegiato i volumi di chitarre e tastiere, arrivando talvolta a sotterrare la traccia vocale principale e, addirittura, a risultare claustrofobico.


I White Void si vanno ad aggiungere ad un gruppo sempre più nutrito di artisti appartenenti alla scena black metal norvegese che hanno dato una svolta radicale al proprio stile, nella buona compagnia di band come gli Ulver o lo stesso Ihsahn.





01. Do. Not. Sleep
02. There Is No Freedom But The End
03. Where You Go, You'll Bring Nothing
04. The Shovel And The Cross
05. This Apocalypse Is For You
06. All Chain Rust, All Men Die
07. The Fucking Violence Of Love
08. The Air Was Thick With Smoke

Speciale
L'angolo oscuro #22

Speciale
FM - Tough It Out Live

Speciale
The End Machine - Phase2

Recensione
Primal Fear - I Will Be Gone [EP]

Recensione
Nad Sylvan - Spiritus Mundi

Intervista
Stranger Vision: Ivan Adami, Riccardo Toni