VV
Gothica Fennica Vol. 1

2020, Heartagram Ltd
Rock

Recensione di Alessio Sagheddu - Pubblicata in data: 02/04/20

Non è chiaro se fosse questo l'intento ma la campagna nostalgica di questo “Gothica Fennica Vol.1” è in atto già prima dell'ascolto e inizia infatti dall'artwork. Pubblicato un po' così, senza troppe pretese o dirette instagram a svelarne i contenuti, Ville Valo (VV per l'appunto, ndr.) decide così di tornare alla ribalta con questo EP di sole tre tracce che altro non fa se non risvegliare quel “Love Metal”, orfano dei suoi stessi pionieri dall'ultimo “Tears on Tape”. 

E' curioso come la band finlandese – nonostante lo scioglimento e gli anni trascorsi - non sia mai sparita completamente dai radar musicali di chi ha esorcizzato primi tumulti adolescenziali e momenti di passaggio, cantando senza pudore alcuno una “Killing Loneliness” dal finestrino della macchina in corsa. La maturità è arrivata nel frattempo, ma il consiglio è quello di abbracciare (la musica è tutt'ora fuori da ogni decreto governativo reso noto) le canzoni proposte, ponte musicale dedito a unire un presente evidentemente ancora carico d'emozione e un vissuto magistrale. Musicalmente attracchiamo tra i mari in burrasca che circondano la torre luminosa di “Dark Light”, la cui ispirazione attraversa sinuosa le orecchiabili “Salute the Sanguine” e la successiva “Run Away from the Sun”. Discorso a parte per “Saturnine Saturnalia” che nei suoi quasi sette minuti svela una palette musicale e pathos non indifferenti, diretta ispirazione forse di lavori più recenti (“Screamworks: Love in Theory and Practice”?).
 
Le premesse per un gran ritorno sembrano esserci tutte per Ville Valo, visto e considerato anche il titolo che svela forse come questo non sarà l'unico di quegli episodi ben riusciti ma isolati. 




01. Salute the Sanguine
02. Run Away from the Sun
03. Saturnine Saturnalia 

LiveReport
Lamb Of God - Self Titled Album Global Stream - Richmond, Virginia 18/09/20

LiveReport
Black Anima - Live from the Apocalypse 2020 - Milano 11/09/20

Recensione
Napalm Death - Throes Of Joy In The Jaws Of Defeatism

Speciale
L'angolo oscuro #9

Recensione
Finntroll - Vredesvävd

Recensione
Marilyn Manson - We Are Chaos