Truckfighters
Mania

2009, Tee Pee Records
Stoner Rock

Recensione di SpazioRock - Pubblicata in data: 23/05/15

Articolo a cura di Fabio Gornati.

 

Emmepunto: "Ciao effe, come va?"


Effepunto: "Ciao emme. Bene grazie"

 

M: "Li conosci i Truckfighters?"

 

F: "Certo emme, proprio in questo periodo sto riascoltando il loro terzo album Mania"

 

M: "Raccontami un po'"

 

F: "Il gruppo è svedese e nasce nel 2001. Purtroppo è uno di quei gruppi con un forte turnover: nel corso degli anni si sono avvicendati diversi musicisti, soprattutto batteristi e chitarristi. Se da una parte non riesci ad affezionarti ai componenti, dall'altra lo vedo come un aspetto positivo in quanto porta diverse contaminazioni. Attualmente la formazione...speriamo stabile per un po'!...è composta da Ozo, Dango e Enzo!"

 

M: "Come scusa?! Che nomi hanno?"

 

F: "Già, si fanno chiamare cosi! I vecchi membri sono: Fredo, Paco, Frongo e...Franco!"

 

M:"Cosa mi dici dell'album che stai ascoltando?"

 

F:" Sai che sono un amante dello stoner rock! E per me loro sono uno dei gruppi migliori degli ultimi anni. Con 'Mania' hanno alzato l'asticella: il primo album, 'Gravity X' del 2005, è diretto e potente e viaggia tra lo stoner e un più classico hard rock. Con il secondo, 'Phi' del 2007, si sono spostati nettamente verso lo stoner tirando fuori sonorità più cupe e pesanti. Mania invece è il mix dei due.

Ai tempi avevano ridotto la formazione eliminando la seconda chitarra portando in primo piano il basso, rendendo il suono più pieno e aggressivo: si sente in particolare in 'The New High' nella quale sarai abbattuto da un'onda sonora (voce e basso belli potenti, tipica batteria stoner e chitarre distorte) e in 'Last Curfew'...secondo me la canzone migliore del disco con un crescendo maestoso: 8 minuti nei quali sentirai diversi generi con un cantato che potrebbe quasi spiazzarti! Altro punto notevole dell'album è 'Monster': sembra iniziare come una jam session per poi espoldere grazie all'ottimo Pedro alla batteria!

Nelle altre canzoni senti richiami ai Kyuss/Desert Session e ai Pixies (specie in 'Monte Gargano' con un alternarsi di versi soft e cori rumorosi) ai Led Zeppelin (verso la fine di 'Monster'), agli Alice in Chains ('Majestic'), ai Tool ('Last Curfew', soprattutto nei cambi di ritmo) e ovviamente Queens of the Stone Age."

 

M: "Quindi me li consigli?"

 

F: "Nonostante siano passati diverse musicisti è sempre stato un gruppo che suona davvero, con due p*lle così! Ti consiglio anche di vedere qualche live: ti renderai conto della potenza del suono ma soprattutto della loro passione per questo genere. Per non risultare troppo di parte, ti lascio con una frase di Josh Homme: "As I grew up I came to understand that the Truckfighters were not just the best band I had ever heard, but the best band that has ever existed"...a te la scelta!"





01. Last Curfew
02. Monte Gargano
03. The New High
04. Majestic
05. Monster
06. Con of Man
07. Loose
08. Blackness

Recensione
Satyricon - Rebel Extravaganza [Remastered]

LiveReport
Ghost - A Pale Tour Named Death 2019 - Mantova 05/12/19

Intervista
Skillet: John Cooper

Recensione
Nightwish - Decades: Live In Buenos Aires

Speciale
Toliman - Abstraction

LiveReport
Cult of Luna European Tour 2019 - Milano 03/12/19