Rob Zombie
The Lunar Injection Kool Aid Eclipse Conspiracy

2021, Roadrunner Records
Alternative Metal

Un nuovo album di Rob Zombie è sempre un po' come entrare in un vecchio lunapark anni '90, virare secco per il Tunnel dell'Orrore e perdersi nei suoi meandri, sinistri ma familiari.
Recensione di Matteo Poli - Pubblicata in data: 13/03/21

Urla, strepiti, teschi pop up e ragnatele di plastica e alla fine tutti fuori a bere una birra. Dai fasti Nineties dei White Zombie e dell'industrial metal - di cui loro rappresentavano il versante mainstream - passando per la fortunata carriera solista e, in seguito, cinematografica, il buon vecchio Rob non ha mai cessato, se non di calcare la cima, quantomeno di bazzicare i crinali della fama nutrendo nei decenni un folto nugolo di fedelissimi sparsi per l'Occidente.
 
Anche il presente "The Lunar Injection Kool Aid Eclipse Conspiracy" non fa eccezione e come i suoi predecessori contiene tutto ciò che da Mr. Zombie è lecito aspettarsi. Il terreno lo aveva preparato l'anno scorso il singolo ed opener dell'album "The Triumph Of King Freak (A Crypt Of Preservation & Superstition)", balzato quasi subito ai piani alti delle metal charts. La formula messa a punto da Rob circa trent'anni fa e mai più sconfessata consiste sostanzialmente nel farcire e camuffare con un meltin pot di generi diversi ed un profluvio di sovraincisioni, un'ossatura hard rock solida e piuttosto convenzionale, tutto sommato in linea col mainstream rock USA anni '80 - '90. Al solito, non mancano pezzi di (relativo) assalto, oltre all'opener, "The Eternal Struggles Of The Howling Man", ma l'assalto non è mai stato il main dish che lo chef Zombie ci serve, e le distorsioni sono solo un flavour tra gli altri. Si potrebbe anzi dire che negli anni la componente psych e acida abbia finito per prevalere, come testimoniano allucinazioni rock come "Boom-Boom-Boom", "Shake Your Ass-Smoke Your Grass", "Crow Killer Blues" e in generale la seconda metà del lavoro. L'immaginario attinge come sempre dal gran serbatoio horror americano del ventesimo secolo, che Mr. Zombie non si fa scrupolo di bazzicare anche come movie director.
 
I punti di forza del lavoro sono un po' anche i suoi limiti: suoni che nei primi '90 risultavano innovativi, oggi mantenuti invariati, suonano inevitabilmente "vintage"; per sentire quanti passi avanti ha fatto nel mentre l'evoluzione dell'elettronica da un lato e il metal dall'altro occorre rivolgersi decisamente ad altre parrocchie. Quella solidità di cui si parlava sopra rischia talvolta di risultare un po' prevedibile e nel bilancio tra fumo e arrosto si sospetta che a volte prevalga il primo. Tutti questi limiti emergono con evidenza e sono ricapitolati da "Get Loose", ineccepibile e, al contempo, banale, mentre molto interessanti sono i passaggi, curatissimi, da un brano al successivo. In complesso dunque un lavoro piacevole che poco aggiunge o toglie a quanto già proposto da Rob e che nella sua leggerezza resta comunque di qualità, pur senza guizzi.




01. Expanding The Head Of Zed
02. The Triumph Of King Freak (A Crypt Of Preservation & Superstition)
03. The Ballad Of Sleazy Rider
04. Hovering Over The Dull Earth
05. Shadow Of The Cemetery Man
06. A Brief Static Hum & Then The Radio Blared
07. 18th Century Cannibals, Excitable Morlocks & A One-Way Ticket On The Ghost Train
08. The Eternal Struggles Of The Howling Man
09. The Much Talked Of Metamorphosis
10. The Satanic Rites Of Blacula
11. Shower Of Stones
12. Shake Your Ass-Smoke Your Grass
13. Boom-Boom-Boom
14. What You Gonna Do With That Gun Mama?
15. Get Loose
16. The Serenity Of Witches
17. Crow Killer Blues

Speciale
L'angolo oscuro #22

Speciale
FM - Tough It Out Live

Speciale
The End Machine - Phase2

Recensione
Primal Fear - I Will Be Gone [EP]

Recensione
Nad Sylvan - Spiritus Mundi

Intervista
Stranger Vision: Ivan Adami, Riccardo Toni