Stoned Jesus
The Harvest

2015, Moon Records
Stoner Rock

Recensione di Francesco De Sandre - Pubblicata in data: 20/06/15

Ruggisce Rintrah, e scuote le sue fiamme nell'aria appesantita. Nuvole affamate fino all'orizzonte. Semplice come è nato, si mosse il giusto, e fremente, nella valle della morte; rose appaiono dove crescono spine, e nell'arida brughiera cantano le api.


Poi, lungo il pericoloso cammino ha seminato, e su di un ruscello, in una fonte, su ogni picco e tomba e sulle ossa imbianchite si depone argilla rossa. Finché, fattosi furfante, lasciò i sentieri del semplice e condusse, nel pericolo, il giusto in terre brulle.


Un assaggio di Stoned Jesus è un morso al veleno. Ma la follia già germina e corrode in chi si approccia all'ascolto del tuono del demonio. Lande desolate, un tempo sentieri di draghi, ora occupate da locuste e scheletri, si attorcigliano concentriche nel Doom meschino della formazione ucraina, che provoca, evoca, distrugge, generando tunnel metallici che inglobano e filtrano il male per poterlo seminare, puro e trasparente, nelle sorprese dell'esistenza. Non rivive la divinità ma il suo profeta in The Harvest e le sue pesanti e colleriche cavalcate d'ira. William Blake sarebbe fiero di loro.





01. Here Come the Robots
02. Wound
03. Rituals of the Sun
04. YFS
05. Silkworm Confessions
06. Black Church

Recensione
Sons Of Apollo - MMXX

Videointervista
Joe Bastianich: Joe Bastianich

Intervista
Il punk ai tempi di Trump: Pat, Anti-Flag

Intervista
Apocalyptica: Eicca Toppinen

Speciale
David Bowie - Mille vite in 30 canzoni pt.3

Speciale
David Bowie - Mille vite in 30 canzoni pt.2