Persefone
Spiritual Migration

2013, ViciSolum Productions
Prog-Death Metal

Recensione di Marco Migliorelli - Pubblicata in data: 03/10/18

Non sempre l'ascolto metodico porta al cuore di un album. Se è vero che alla buona musica progressive fa spesso la corte un sano e appassionato gusto per la scoperta, potrebbe accadere che il senso di un intero disco possa darsi per irraggiamento dal suo centro. Si finisce con l'inciampare per caso nel profilo di un brano illuminante fino a scoprire una trama non lineare e padroneggiare quindi la ricchezza di ogni capitolo. Questo accade proprio a metà ascolto del quarto album degli andorrani Persefone. Uscito nel 2013, "Spiritual Migration", racconta un percorso mentale incentrato sulla lotta interiore, l'accettazione della propria ombra ed il superamento dei conflitti interni verso una condizione di annullamento nel riconoscersi parte di un tutto che è natura e spirito. L'album tutto, con i suoi generosissimi 70 minuti di durata, prende luce da una suite strumentale, "Stream of Consciousness", divisa in due distinte parti, "Sitting in Silence" e "A Path to Enlightenment". Ascoltare per credere.

 

Il flusso di coscienza infatti, libero da sovrastrutture espressive che avrebbero imprigionato in una fredda esecuzione il caldo ed espressivo prog-death metal degli andorrani sfocia, sul piano musicale, nella complessità compositiva attraverso la semplicità dell'approccio emozionale. Il punto di forza dell'intero concept sono l'equilibrio e il calore col quale, senza veri cali d'ispirazione, il death metal, sancito dal tiro incrociato di Marc Mas sugli scudi e del basso strigliato a dovere dal veterano Toni Mestre, si accompagnano, senza indigestioni virtuosistiche, al considerevole contributo melodico-atmosferico di tastiere e chitarre, l'imprescindibile duo Espinosa-Lozano.

 

La ricerca di un tema ricorrente è inoltre da sempre tanto cara al compositore Miguel Espinosa, che fra il bianco e il nero dell'avorio ha sempre vaticinato il significato superiore, il sogno a sostegno di ogni loro album (ascoltatevi la bellissima "Outro"): la sua passione per le colonne sonore dona sempre agli album dei Persefone un taglio cinematografico ed anche in "Spiritual Migration" favorisce, fra guizzi e riprese, il giusto respiro di quella che è l'anima del disco.


Se ad un primo accostamento, "Spiritual Migration" potrebbe stordire per la sua caleidoscopica ricchezza di spunti e ripartenze, è proprio lì dove scorre più lento il fiume della sua musica che troveremo il guado verso la comprensione di ogni brano: ecco che torna in ballo la suite "Stream of Consciousness".


"I surrender to life
Leaving my being
To this immense source
As a river
Flows the ocean"

 

A risposta di un ascolto paziente e appassionato, brani come "The Great Reality", con le sue iperboli d'avorio o la stupenda "Retourning to the Source", rivelano un'immagine composita dai contorni vivi e pulsanti che le chitarre di Lozano e Gorgues percorrono lungo tutte le sue differenti gradazioni espressive, complice anche lo screaming dell'inossidabile Marc Martins, sostenuto dalle aperture piane e melodiche della voce di Miguel.
L'esito finale è un prog-death metal più consapevole, dosato e disinvolto che nel travolgente "Core" (non a caso ripubblicato con tracklist riveduta nei minutaggi), sicuramente aperto alle svariate suggestioni che il tema raccontato permette: ne è una prova la stessa titletrack, non a caso all'epoca rilasciata come singolo anticipatore dell'intero album, suggestivamente stravolta dopo una prima parte roboante. Allargando il discorso, ne è una prova l'intera discografia della band, che ha sempre ambito, con gran cuore e trasporto, ad una completa sinergia fra temi e composizioni, fra immagine e tecnica. In tale contesto, a suggello di questa piccola gemma, l'artwork di Travis Smith arriva con pari talento, alla concretizzazione di una visione comune.





01. Flying Sea Dragons
02. Mind as Universe
03. The Great Reality
04. Zazen Meditation
05. The Majestic of Gaia
06. Consciousness Pt. 1: Sitting in Silence
07. Consciousness Pt. 2: A Path to Enlightenment
08. Inner Fullness
09. Metta Meditation
10. Upward Explosion
11. Spiritual Migration
12. Returning to the Source
13. Outro

Speciale
PREMIERE: guarda il video di "Black Ink"

Intervista
Opeth: Fredrik Åkesson

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming di "Il Primo Uomo Sulla Luna"

LiveReport
Nightwish - Decades World Tour - Assago (MI) 04/12/18

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming de "Il Vento"

Speciale
PREMIERE: guarda il video di "Nowhere Latitude"