Seven Spires
Emerald Seas

2020, Frontiers Music
Symphonic Metal

Recensione di Giovanni Ausoni - Pubblicata in data: 16/02/20

Già l'esordio "Solveig" aveva messo in luce come i Seven Spires non fossero una delle tante band asservite supinamente al verbo di KamelotNightwishSonata Arctica e compagnia cantante, nonostante qualche ingenuità e un songwriting spesso troppo dispersivo. Al di là dell'autoimpostasi etichetta di gruppo "theatrical metal", i nostri, con "Emerald Seas", primo album pubblicato sotto l'egida di Frontiers, bazzicano le medesime coordinate dello scorso lavoro, in maniera, però, maggiormente asciutta e versatile: le atmosfere restano avvolgenti e ricche di pathos, ma si riscontra una migliore consapevolezza nell'affrontare generi trasversali, il che permette di ottenere la quadratura d'assetto desiderata.

Adrienne Cowan rappresenta senza dubbio un elemento fondamentale nell'economia stilistica della formazione statunitense: già provvista di un buon curriculum (AvantasiaSascha Paeth's Masters Of CeremonyTrick Or Treat), la singer alterna e amalgama con tale noncuranza registri tra loro diversissimi (dal cristallo di Boemia al growl più ferino), che la percezione di trovarsi al cospetto di due interpreti, di cui uno di sesso maschile, rischia di intrappolare l'ascoltatore in un buffo malinteso. 

I brani, costruiti su una piattaforma sinfonica tanto tradizionale quanto efficace, e puntellati da evocative melodie arabeggianti, restano impressi grazie alla sua prestazione vocale decisamente sopra le righe: che si tratti di gothic rock ("Ghost Of A Dream", "No Words Exchanged"), black ("Drowner Of Worlds", "Fearless"), power ("Every Crest", "Unmapped Darkness", "Succumb", "The Trouble With Eternal Life"), o soft ballad ("Silvery Moon", "Bury You"), per lei non fa alcuna differenza. Il tutto viene sorretto dall'ottimo guitar work di Jack Kosto, abbastanza inventivo e personale considerando le categorie musicali di riferimento. E non risultare stucchevoli, diventa, per i Seven Spires, una nota di merito non trascurabile.




01. Igne Defendit
02. Ghost Of A Dream
03. No Words Exchanged
04. Every Crest
05. Unmapped Darkness
06. Succumb
07. Drowner Of Worlds
08. Silvery Moon
09. Bury You
10. Fearless
11. With Love From The Other Side
12. The Trouble With Eternal Life
13. Emerald Seas Overture

Speciale
Solchi e Sorsi - Natural Wines & Rock

Recensione
Testament - Titans Of Creation

Intervista
August Burns Red: Dustin Davidson

Intervista
Peter And The Test Tube Babies: Derek Greening, Peter Bywaters, Nick Abnett

Speciale
Me And That Man - "New Man, New Songs, Same Shit, Vol. 1"

Recensione
Nine Inch Nails - Ghost V: Together / Ghost VI: Locusts