Schammasch
Hearts Of No Light

2019, Prosthetic Records
Avantgarde Black Metal

Recensione di Giovanni Ausoni - Pubblicata in data: 11/11/19

Ambizioso e profondamente spirituale, "Triangle" (2016) rappresentava la summa del pensiero filosofico-musicale dei Schammasch: "Hearts Of No Light" ne ribadisce in toto il credo, ma senza scimmiottare il suo massiccio predecessore. Parlare di semplice black metal, nel caso di artisti latori di un sound visionario e inclassificabile, risulta decisamente riduttivo; il nuovo full length, pregno di un meditabondo esistenzialismo apocalittico, conferma l'ora quintetto come la scheggia mobile e introspettiva dell'universo estremo, capace, sulla scia di Behemoth, Blut Aus Nord e Secrets Of The Moon, di trasfigurare il quotidiano in una sorta di moderno (e pessimista) "Enūma Eliš".

 

Le note della pianista classica Lillian Liu aprono "Winds That Pierce The Silence", un brano che, nel mezzo del consueto nugolo di cordofoni stratificati, costituisce una breve e familiare panoramica della cerimonia occulta officiata nel resto del lavoro. Con "Ego Sum Omega", canzone dinamica, ricca di dettagli armonici e conclusa da una coda maestosa, si vaga ancora nei territori amati dal gruppo; medesimo discorso per l'interludio "A Bridge Ablaze", in cui il know-how degli svizzeri (cori liturgici, loop sintetici, voci sussurrate) viene elargito a mo' di fumosa attesa. Il passaggio alla pista successiva appare franco e tirato: "Qadmon's Heir" suona corrosivo e unificante, con cenni evidenti al parossismo mistico di "The Process Of Dying".

 

Se "Rays Like Razors" ricorda da presso "Contradiction" in virtù dell'ipnotico riff portante, "I Burn Within You" dà la stura a intriganti esperimenti: trattasi di un pezzo d'avanguardia leggermente psichedelico e dal ritmo sincopato, nel quale il combo, assistito dal timbro teatrale e disturbante di Aldrahn (ex Dødheimsgard), cuce un arabesco melodico potente e catartico. Segue "A Paradigm Of Beauty", probabilmente la traccia più singolare del lotto: l'iniziale clima arcano scivola, attraverso una progressione strumentale abilmente costruita, in direzione di un gothic rock accattivante e luciferino, al crocevia tra The Sisters Of Mercy e The Devil's Blood. La lunga traiettoria discendente del disco prende le mosse dalla combinazione di ricerca atmosferica e sezioni in tremolo di "Katabasis"; il titanico epilogo "Innermost, Lowermost Abyss", invece, scritto tenendo ben presente il mood di "The Supernal Clear Light Of The Void", fonde, in modo esemplare e con il contributo del talentuoso Dehn Sora, dark ambient, chitarre acustiche flamencate e percussioni tribali: delicatamente scivoliamo nell'abisso del nostro Io, dove la solitudine diventa eterna e vertiginosa.

 

Al termine del viaggio, l'ascoltatore avverte la strana sensazione di aver vissuto una vera e propria esperienza esoterica: nonostante la densità e il minutaggio, entrambi comunque minori rispetto all'ultimo triplo LP, in "Hearts Of No Light" nessun dettaglio brancola fuori posto, il che rende la performance degli elvetici davvero notevole. Liberi e spiazzanti, i Schammasch non rinunciano alle autocitazioni, eppure, per l'ennesima volta, ampliano gli orizzonti del metallo nero, prima disintegrandolo, poi ricomponendolo in forme inusuali. Touché.





01. Winds That Pierce The Silence
02. Ego Sum Omega
03. A Bridge Ablaze
04. Qadmon‘s Heir
05. Rays Like Razors
06. I Burn Within You
07. A Paradigm Of Beauty
08. Katabasis
09. Innermost, Lowermost Abyss

LiveReport
Archive - 25th Anniversary Tour - Roma 03/12/19

LiveReport
Alter Bridge, Shinedown, The Raven Age - "Walk The Sky" Tour 2019 - Assago (MI) 02/12/19

Intervista
The Low Anthem: The Low Anthem

Speciale
Music Industry e innovazione tecnologica: la blockchain come strumento per rivoluzionare il mercato

Speciale
Alter Bridge: la nostra top 20

Speciale
Pink Floyd “The Later Years 1987-2019”