Restless Spirits
Restless Spirits

2019, Frontiers Music
Hard Rock

Recensione di Giovanni Ausoni - Pubblicata in data: 27/05/19

Non costituisce assolutamente un'anomalia per molti musicisti avere un piede nella band maggiore e l'altro in un side project: all'indice da spulciare si accoda il chitarrista Tony Hernando con la sua nuova creatura a nome Restless Spirits, una sorta di omnibus traboccante ospiti vocali di prima fascia. L'omonimo album di debutto, infatti, presenta gli eccellenti cavalli di razza della scuderia Frontiers: Johnny GioeliDino JelusicKent HilliAlessandro Del Vecchio, Diego Valdez, a cui bisogna aggiungere l'ugola dell'ex Journey  Deen Castronovo, presente inoltre dietro le pelli in tutte le piste del disco.

 

Se un heavy spruzzato di melodia orienta il sound dei Lords Of Black, tocca all'hard rock rivisto e corretto dal tradizionale AOR di ottantiana memoria conferire una precisa identità al neonato moniker; ciò nonostante, non si può non constatare l'inserimento di alcune decorazioni metalliche, riconoscibili soprattutto nei riff e negli assoli ruggenti confezionati dal virtuoso artista iberico. Sfocare le linee, d'altronde, può rappresentare il metodo migliore al fine di evitare la proposizione di brani cotti con la medesima matrice: in effetti la qualità media del lotto, aiutata da un parterre di singer di notevole livello, si mantiene abbastanza buona, pur senza straordinari highlights.

 

I pezzi vengono caratterizzati non soltanto dal timbro del cantante di turno, ma specialmente dalla presenza costante e significativa delle tastiere: strumento, quest'ultimo, che domina completamente la scena ("Livin‘ To Live Online"), affiora brillante nei pezzi più ritmati ("Unbreakable", "Calling You", "Lost Time" ("Not To Be Found Again)), colora e riscalda le ballad d'ordinanza ("When I Comes To You", "Nothing I Could Give To You"). Il resto della tracklist procede spaziando da momenti dal piglio energico ("'Cause I Know You're The One", "Live To Win") a partiture estremamente catchy ("I Remembre Your Name", "You And I"): la chiusa, affidata all'enfatico mid-tempo "In The Realm Of Black Rose", stampiglia il sigillo finale su un lavoro che, di certo, lascerà soddisfatti gli estimatori di quelle carezze capaci, a volte, di fare anche del male.

 


E Tony Hernando, da smaliziato axeman, lo sa bene: i Restless Spirits lo seguono, tra leggere abrasioni ed emozionanti tuffi al cuore.

 





01. Stop Livin' To Live Online
02. Unbreakable
03. I Remember Your Name
04. ‘Cause I Know You're The One
05. Nothing I Could Give To You 
06. Calling You
07. Live To Win
08. You And I
09. When It Comes To You
10. Lost Time
11. In The Realm Of The Black Rose

Speciale
Sei valide ragioni per partecipare al Copenhell

LiveReport
Sziget 2019: la 27esima rivoluzione dell'amore - Budapest 07/08/19

Intervista
Twilight Force: Alessandro Conti (Allyon)

Recensione
Equilibrium - Renegades

Recensione
Slipknot - We Are Not Your Kind

LiveReport
Metal for Emergency 2019: Anthrax, Destrage & more - Filago 04/08/19