Punkreas
Inequilibrio [EP]

2018, Garrincha Dischi / Canapa Dischi
Punk Rock

Recensione di Francesco De Sandre - Pubblicata in data: 22/04/18

Una primavera di odio controllato è ciò di cui si ha bisogno per risvegliarsi dal torpore di un inverno di riflessione. Primo di due EP che la band di Parabiago ha messo in cantiere per l’etichetta Garrincha Dischi - in collaborazione con Canapa Dischi - “Inequilibrio” è pratico, diretto, la breve prima parte di un lungo viaggio, avviato però con una sosta.

 

Fermarsi, respirare, ricordarci chi siamo, chi eravamo e chi vogliamo essere: è questo il messaggio di apertura di un EP generazionale per i Punkreas e i propri fan. Ricordarsi chi siamo e chi eravamo, anche guardando in faccia le nuove generazioni, i noi stessi del futuro. La prima scommessa della band è infatti credere che le nuove generazioni facciano meglio della nostra, quella che in “Due minuti di odio” scarica tensioni e dissapori, senza – stavolta – guardare in faccia nessuno, “per non partire lasciando conti in sospeso, per viaggiare più leggeri, perchè il percorso è ancora lungo”.

 

Già annunciata la seconda parte di questo viaggio: un secondo EP, altre cinque canzoni. Scopriremo presto come va a finire l’avventura registrata e coprodotta da Olly Riva (Shandon) presso il Rocker Studio di Mario Riso (Rezophonic). Un’avventura parte di una storia iniziata nel 1989, quasi trent'anni fa, e che oggi arriva in gran forma al traguardo dell'undicesimo album.





Intervista
The Dead Daisies: Doug Aldrich

Speciale
L'angolo oscuro #17

Intervista
Lunatic Soul: Mariusz Duda

Speciale
Bloody Hammers - Songs Of Unspeakable Terror

Speciale
Alexi Laiho: il prodigio del lago Bodom

Speciale
L'angolo oscuro #16