Punkreas
Il Lato Ruvido

2016, Canapa Dischi/Rude Records/Garrincha Dischi
Punk Rock

Recensione di Francesco De Sandre - Pubblicata in data: 22/03/16

Con il preciso intento di realizzare un disco che si potesse confrontare con le produzioni delle multinazionali discografiche, ma che consentisse alla band di mantenere inalterata la propria identità e preservare le proprie scelte artistiche, Il Lato Ruvido è quello che i Punkreas ci vogliono, ci tengono a mostrare, supportati dalla triplice alleanza di tre etichette nazionali che, insieme, incarnano i valori del nuovo album registrato e prodotto da Riccardo Parravicini. C'è della provocazione in tutto questo? Sì, e come potrebbe essere altrimenti?
 

Figlio di una fase particolarmente fertile per la band - Cippa, Paletta e Noise, accompagnati dallo storico batterista Gagno e dalla new entry Andrea "Endriù" alla chitarra - Il Lato Ruvido è diretto, istintivo, irriverente e scanzonato allo stesso tempo. Ritorna a gran forza l'attitudine "ruvida" dei primi Punkreas, che si sposa con un linguaggio musicale e lirico contemporaneo e moderno, riuscendo a fondere la primordiale e nota irruenza della band, all'odierna maturità artistica: un connubio esplosivo e vincente.

 

Dodici pezzi abrasivi e dal suono a tratti travolgente, ma sempre melodicamente irresistibili come nella loro migliore tradizione. "Con questo disco abbiamo cambiato marcia e l'abbiamo fatto ripartendo da quello che, in fin dei conti, è sempre stato il nostro lato migliore: il lato ruvido, semplicemente".





Speciale
L'angolo oscuro #17

Intervista
Lunatic Soul: Mariusz Duda

Speciale
Bloody Hammers - Songs Of Unspeakable Terror

Speciale
Alexi Laiho: il prodigio del lago Bodom

Speciale
L'angolo oscuro #16

Speciale
Best of 2020