Unibrido
P.I.G.S.

2019, Lunchbox
Alternative Rock

Recensione di Giovanni Ausoni - Pubblicata in data: 30/06/20

Un titolo dell'impatto di "P.I.G.S.", scelto dagli Unibrido per battezzare il proprio debutto sulla lunga distanza, richiama alla memoria non soltanto l'acronimo utilizzato in riferimento a quegli Stati del Mediterraneo europeo, Italia compresa, accomunati da situazioni economiche deficitarie, ma anche "La Fattoria Degli Animali" di George Orwell. E in effetti, la metafora romanzesca dei maiali che, attraverso menzogne e raggiri, riescono a instaurare una dittatura, funziona ancora alla perfezione se applicata al panorama mondiale contemporaneo; per il duo, però, le responsabilità dello sfacelo e del fallimento delle democrazie occidentali vanno ricercate tanto nei politici quanto nel singolo individuo, troppo spesso soggetto indolente e assertivo. In poche parole, un pasoliniana società porcile di cui la band rivela anomalie e brutture assortite.

Mettere in moto il pensiero anestetizzato: sembra questa, dunque, la mission del gruppo. E quale miglior canale comunicativo di un alternative rock ispido e corrosivo? A partire da una registrazione priva di fronzoli, grezza e acidula il giusto, Carlo Carbonetti e Marvin Marshall Johnson riversano rabbia e nichilismo in otto tracce che non scendono mai a patti con melodie facili e scontate. La coppia iniziale, "Mercurio" e "Unibrido", sbuffa stoner pesante e lievemente psichedelico, "Non C'è Più Tempo" ha l'urgenza e la sporcizia del garage settantiano, "Prostituzione" e "Labirinti" associano meditazione tossica e tappeti lisergici, "Segnali" è improvviso scoppio elettrico à la Marlene Kuntz. E se l'instrumental "Speculazione Trascendente" tracima spensierato blues d'annata, il traliccio tribale che attraversa "Rumore Freddo" fa da base a esplosioni di potenza al limite del metal.

Molta carne al fuoco e tematiche arroventate per gli Unibrido, figli artistici del mondo musicale anglosassone più che della tradizione del Belpaese: selvatici e senza peli sulla lingua, gli abruzzesi si rivelano come uno degli act esordienti di maggior interesse e originalità della scena nostrana. Alla prossima!




01. Mercurio
02. P.I.G.S.
03. Non C'è Più Tempo
04. Prostituzione
05. Speculazione Trascendente
06. Labirinti
07. Segnali
08. Rumore Freddo

Speciale
Dukes Of The Orient - Freakshow

Speciale
Deep Purple - Whoosh!

Speciale
Arctic Rain - The One

Speciale
Black Rose Maze - Black Rose Maze

Speciale
Ramos - My Many Sides

Speciale
Broadside - Into The Raging Sea