The Brink
Nowhere To Run

2019, Frontiers Music
Hard Rock

Recensione di Giovanni Ausoni - Pubblicata in data: 23/05/19

Se dovessimo estrapolare un nome tra le band emergenti britanniche l'elenco sarebbe troppo lungo, ma non rappresenta una perdita di tempo dare un ascolto e un'occhiata ai The Brink, agguerrito quintetto proveniente da Cambridge. Dopo la pubblicazione di due EP, importanti concerti da headliner a Londra, Manchester, Newcastle e numerosi show in piccole location dell'isola, nell'autunno del 2018 i nostri accompagnarono i The Departed per un tour in tutto il Regno Unito: gavetta fruttifera, dal momento che "Nowhere To Run" vede il patrocinio di Frontiers, di certo non un'etichetta qualunque.

 

Al dispetto del titolo del lavoro, la formazione albionica conosce bene gli spazi nei quali agire con efficacia: combinare il classico hard rock melodico ottantiano all'entusiasmo, l'energia, l'urgenza del moderno pop punk dal sapore alternativo risulta l'azione migliore da compiere quando si tratta di suonare accattivanti senza inalare il grigiore della mediocrità. Ritmo al cardiopalma, grandi arrangiamenti vocali, ritornelli contagiosi, riff di chitarra gemella incisivi e sfolgoranti, costituiscono gli ingredienti principali di un album di debutto che mostra quanto un intenso rodaggio dal vivo paghi in termini di affiatamento e sicurezza dei propri mezzi.

 

In un disco che sfiora i sessanta minuti spiccano le vitaminiche "Little Janie", "Break This Chains", i granelli blues di "Do Not Count Me Out", "Now Way Back", il temperamento AOR di "Never Again" e "Nothing To Fear", la patina Guns N' Roses di "Said And Done", le congiunture struggenti di "Wish" e "Save Goodbye", gli arpeggi acustici a prova di lacrime della bonus track "Say Goodbye": insomma, quando i Bon Jovi e gli Skid Row incontrano i Blink-182 e i Sum 41 bisogna immortalare il momento e lasciarsi travolgere dal groove invece di cercare il pelo nell'uovo riguardo una presunta originalità da rispettare.

 

Perchè i the Brink, più che sull'orlo dell'abisso, sembrano pronti ad azzannare i palchi: con il beneplacito della Regina, s'intende.





01. Little Janie
02. Break These Chains
03. Never Again
04. Save Goodbye
05. Take Me Away
06. One Night Only
07. Wish
08. Said And Done
09. Fairytale
10. Don't Count Me Out
11. Nothing To Fear
12. No Way Back
13. Are You With Me
14. Burn
15. Save Goodbye (Bonus Track)

LiveReport
Sziget 2019: la 27esima rivoluzione dell'amore - Budapest 07/08/19

Intervista
Twilight Force: Alessandro Conti (Allyon)

Recensione
Equilibrium - Renegades

Recensione
Slipknot - We Are Not Your Kind

LiveReport
Metal for Emergency 2019: Anthrax, Destrage & more - Filago 04/08/19

Speciale
Le rinascite di Bruce Dickinson