Nordic Union
Second Coming

2018, Frontiers Music
Hard Rock

L'asse danese / svedese Nordic Union colpisce ancora.
Recensione di Marilena Ferranti - Pubblicata in data: 04/11/18

L'asse danese / svedese Nordic Union colpisce ancora: la voce dei Pretty Maids Ronnie Atkins e il chitarrista, compositore e produttore Erik Martensson (Eclipse, WET, Ammunition), tornano con un self-explanatory "Second Coming". Tutto cominciò nel 2015, quando Atkins ricevette una serie di demo messe insieme da Martensson. L'entusiastica reazione di Atkins diede vita ad un'alleanza musicale culminata nella release del primo disco a gennaio 2016. I due presentarono un ibrido degli stili che da sempre rendono due band come gli Eclipse e i Pretty Maids realtà di successo amatissime dal pubblico. "Second Coming" è indubbiamente un disco di qualità; ottimo songwriting, produzione di livello, l'ugola di Atkins che continua a migliorare nel tempo... insomma in questo disco troverete tutto ciò che avete amato delle due squadre di cui questi fuoriclasse portano alta la bandiera. 
 
L'opener è in pieno stile Nordic Union: riff epico, cori epici, la voce di Atkins sporca e incazzata. Un sound potente e convincente con chiarissimi riferimenti al marchio di fabbrica di Martensson che sprizza Scandinavia da tutti i pori.
 
"Because of Us" inizia con un coro di voci bianche per poi decollare con grazia e dirompenza verso un ritornello che galoppa senza via di scampo. Una sezione ritmica perfettamente affiatata, e una convinzione che non lascia indifferenti. "It Burns" si apre con la dolcezza di un piano appena accennato, per poi esplodere tanto da farci "bruciare" insieme.  Arriviamo a "Walk me Through The Fire": in questo pezzo ci sono tutti i classici elementi degli Eclipse. Parliamo delle metriche, riffs, perfino la voce di Atkinson sembra ricalcare le tipiche linee del collega e, se da un lato è comprensibile, dall'altro spiace un po' confondere le identità al punto di pensare che potrebbe tranquillamente finire in scaletta dell'una o dell'altra band senza dar fastidio.
 
"New Life Begins" si candida invece tra i pezzi migliori del disco: una bellissima mid tempo con tutto lo struggimento scartavetrato che la voce di Atkins riesce ad evocare. Un incedere poderosamente romantico, un testo di una dolcezza che quasi fa a pugni con la cattiveria disperata che emana il cantato. Quasi da lacrimuccia insomma: con un solo elegante e pulito che riecheggia sopra ogni cosa fino a quel "you woke me up when my dreams were fading" che fa venire la pelle d'oca. 
 
Degno di nota, per chi forse ancora non ne avesse idea, quello che si legge alla voce "band": Lead & Rhythm Guitar, Bass, Keyboards and Backing Vocals sono tutte opera di Martensson, che è anche produttore dell'album nonchè prolifico scopritore di talenti e autore per un numero imprecisato di artisti. 
 
"The Final War" sfocia nel metal, ma non lascia il segno, mentre "Breathtaking" toglie effettivemente il fiato per il livello di intensità interpretativa di un testo impegnato e un ritornello impossibile da non memorizzare al primo ascolto. Un messaggio polemico e rabbioso che inneggia allo sdegno nei confronti delle ingiustizie che attanagliano il mondo. "With our blood stained hands".... "for us there's no escape" canta la voce disperata di Ronnie, e su "They are-they are breathtaking" l'headbanging parte con le cuffie sulla testa. Super coinvolgenti le dinamiche destabilizzanti lungo tutto il pezzo che fanno effettivamente mancare il respiro.
 
"Rock's Still Rolling" sfodera poi un giro blues inaspettato e una linea di basso cattivissima, anche se non viene voglia di riascoltarla più di un paio di volte di fila, mentre "Die Together" ha un'essenza più pop, delicata e nostalgica. Ed eccoci a "The Best Thing I never Had", con tastiere e chitarre gonfiatissime, un mood che rimane costante e deciso senza però mai decollare. "Outrun You" chiude la tracklist con cattiveria condita di parti acustiche, un pizzico di clichè e qualche momento di noia.
 
Non si può dire che non ci sia ottimo materiale da ascolto su questo disco, nè che la produzione non sia di ottimo livello. Manca forse ancora la definizione di un'identità più specifica di un progetto che, comprensibilmente, incorpora un moltissimi elementi tipici delle rispettive aree di provenienza dei suoi membri. Consigliato se non conoscete gli Eclipse e i Pretty Maids. 
 




01. My Fear & My Faith
02. Because Of Us
03. It Burns
04. Walk Me Through The Fire
05. New Life Begins
06. The Final War
07. Breathtaking
08. Rock's Still Rolling
09. Die Together
10. The Best Thing I Never Had
11. Outrun You

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming di "Thousand Souls Of Revolution"

Speciale
PREMIERE: guarda il video di "La Notte Di Valpurga"

Recensione
Muse - Simulation Theory

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming di "Il Blu Di Ieri"

LiveReport
Bullet For My Valentine Gravity Tour 2018 - Bologna 31/10/18

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming di "The Living Past"