Nick Oliveri
N.O. Hits At All Vol. 4

2018, Heavy Psych Sounds Records
Heavy Rock

Recensione di Giovanni Ausoni - Pubblicata in data: 02/03/18

Non bastavano evidentemente i tre trascurabili capitoli partoriti nel 2017: con "N.O. Hits At All Vol. 4" continua la serie di eccentriche cover interpretate da Nick Oliveri, musicista conosciuto soprattutto per la fondamentale militanza in Kyuss e Queens Of The Stone Age: coinvolto in innumerevoli progetti spesso di corto respiro e qualitativamente non eccelsi, l'autore losangelino si tuffa in un'ennesima compilation, arricchita da un paio di nuovi pezzi, di cui obiettivamente non si avvertiva un gran bisogno. Un lotto di canzoni dalla durata complessiva di diciotto minuti che non aggiunge pressoché nulla ai volumi precedenti e lascia interdetti circa la strada intrapresa dal polistrumentista statunitense, da tempo ormai impelagato in prove che non rendono giustizia al suo indiscutibile talento: più a proprio agio nelle collaborazioni (Eagles Of Death Metal, Mark Lanegan Band), meno invece nelle creature soliste (Mondo Generator), il buon Nick si produce ancora in un'operazione simpatica, ma dalla tenuta limitata.
 
 
L'album si apre con l'energico garage di "Walk On", composizione inedita scritta dai The Uncontrollable, duo formato da Oliveri e Blag Dahlia dei Dwarves, gruppo ove il nostro collabora dal 1997 sotto l'altisonante e autoironico nomme de plume di Rex Everything; segue lo stoner lento e adiposo di "Identify, Isolate, Manipulate" da "8-Track Demo(n)S" dei Biblical Proof Of Ufos, mentre la voce tagliente e acida del singer nordamericano caratterizza la ripresa di "Endless Vacation" dei Ramones, registrata per la prima volta su disco dopo essere stata portata in giro nelle varie tappe pluriennali del  Death Acoustic Tour. Se un hard rock dal tiro groovy e audace contrassegna "Hanging Low", brano tratto da "Double Disco Animal Style" dei Loading Data, si rientra nel cosmo Dwarves con i trentasei secondi ultra hardcore e isterici dell'aggressiva "Fuck You Up And Get High", contenuta in "Blood Guts & Pussy", e con il pop punk solare di "Super Hero", pista appartenente a "Sunday School Massacre", debutto sulla lunga distanza di HeWhoCanNotBeNamed, solo project del chitarrista mascherato dei Nani dell'Illinois. Dal platter omonimo dei Rattlin' Bones giunge il mandala incalzante di "Don't Believe", traccia che anticipa la nevrotica chiusura affidata ai Ramones di "Susy Is A Headbanger", direttamente dalla raccolta "Brats On The Beat (Ramones For Kids)", e decorata da un coro di fanciulli come stravagante accompagnamento.
 
 
Lavoro che ispira sembianze da EP piuttosto che da full-length, "N.O. Hits At All Vol. 4" distrae dalla routine quotidiana offrendo un superficiale divertimento fine a sé stesso: esercitazione pleonastica di un artista dal pedigree blasonato e dal quale è auspicabile un ritorno a ben altri livelli.




01. Walk On
02. Identify, Isolate, Manipulate
03. Endless Vacation
04. Hanging Low
05. Fuck You Up And Get High
06. Super Hero
07. Don't Believe
08. Susy Is A Headbanger

Intervista
Anneke Van Giersbergen: Anneke Van Giersbergen

Recensione
Epica - Omega

Recensione
Alice Cooper - Detroit Stories

Speciale
L'angolo oscuro #19

Intervista
Epica: Mark Jansen

Intervista
Sirenia: Emmanuelle Zoldan