Mind Key
MK III Aliens In Wonderland

2019, Frontiers Music
Progressive Metal

Recensione di Giovanni Ausoni - Pubblicata in data: 20/07/19

Dopo un'assenza decennale dal mercato discografico, i Mind Key ricompaiono sulle scene con un nuovo LP, "MK III - Aliens In Wonderland", che, ancora una volta, riesce nell'intento dei due precedenti lavori: quello di tradurre l'amore per Dream TheaterEvergrey Journey in una serie di brani inediti magari derivativi nella forma, tuttavia abbastanza brillanti nell'interpretazione e nella resa. Un'opera, dunque, compatta e priva di sbavature: da sottolineare la cura maniacale del songwriting, dal momento che la struttura dei pezzi, complessa senza mai cadere in astrusità cervellotiche, adotta la regolarità strofica del melodic rock imperniandosi, però, sulle cadenze articolate e le tempeste digressive del più classico prog metal. Simile attenzione viene riservata a una produzione in grado di dar rilievo agli incroci degli strumenti e ai virtuosismi dei singoli musicisti.

Con un singer, poi, dell'estensione e del timbro di Aurelio Fierro Jr., il gioco, ovviamente, diventa di facile conduzione; al resto pensano l'ascia di Emnuele Colella, così duttile da trascorrere con disinvoltura dalle lusinghe alle strigliate, e i ricami di tastiera di Dario De Cicco, una vera e propria seconda chitarra capace di costruire muri fusion di notevole fascino.

 

La forza di canzoni come la title track, "Hank (The Blazing Eyes)" o "Hate Of First Sight" sta nella miscela equilibrata di armonia, groove e pesantezza; "Angry Men" e "Psycho World", invece, preferiscono attraccare in incisivi e stradaioli lidi hard, mentre le rotture sinfoniche di "Be-Polar" e l'ebbrezza ritmica di "Vertigo (Where The Cold Wind Blows)" contribuiscono ad arricchire il lotto di sfumature sorprendenti. Estrema varietà, dunque, per un album a cui bisogna, con onestà, muovere un paio di appunti: l'uno nei confronti di due power ballad alquanto soporifere ("Hands Off Cain" e "Oblivion"), l'altro in direzione dell'artwork, aderente al titolo del platter, ma forse troppo buffo e cartoonesco se guardiamo ai temi esistenziali trattati nelle liriche.

 

Dal 2009 ne è passata di acqua sotto i ponti, eppure sembra che per i nostrani Mind Key il lungo periodo di inattività abbia veicolato soltanto certezze: "MK III - Aliens In Wonderland" lascia, nelle orecchie, il gusto piacevole di un bentornato. Di qualità.

 





01. Alien In Wonderland
02. Hank (The Blazing Eyes)
03. Hate At First Sight
04. Angry Men
05. Hands Off Cain
06. Be-Polar
07. Oblivion
08. Psycho World
09. Vertigo (Where The Cold Wind Blows)
10. Pure Heart
11. Non-Existence

Recensione
Equilibrium - Renegades

Recensione
Slipknot - We Are Not Your Kind

LiveReport
Metal for Emergency 2019: Anthrax, Destrage & more - Filago 04/08/19

Speciale
Le rinascite di Bruce Dickinson

LiveReport
Hellfest 2019 Day 1 - Gojira, Dropkick Murphys and more - Clisson, Francia 21/06/19

Speciale
Preview: Summer Breeze 2019