Massive Wagons
Full Nelson

2018, Earache Records
Rock


 

Recensione di Federico Falcone - Pubblicata in data: 09/09/18

Guidati dal cantante Baz Mils, tornano a dar voce ai propri amplificatori gli inglesi Massive Wagons. Il terzo studio album della band from Lancaster coincide con l'approdo alla Earache Records che, come noi tutti ci auguriamo, potrà garantire al combo britannico una visibilità decisamente importante.

 

Sono dodici, in totale, i brani che realizzano la tracklist di "Full Nelson", e il genere proposto non si discosta granché da quanto espresso nei precedenti lavori; rock classico abbastanza influenzato dal sound statunitense (Foo Fighters in primis, con una spruzzatina qua e là di sonorità blues e hard rock). In tempo di premere "play" e far partire il disco e la sensazione è quella di trovarsi di fronte a un lavoro adattissimo a un party, dove la scanzonatezza e la voglia di divertirsi la fanno hanno la meglio su tutto il resto. "Under No Illusion", pezzo che apre l'album, rende alla perfezione questa impressione, seguito a ruota da "China Plates" e "Billy Ballon Head" (che molto deve alle hit dei Kiss), songs leggere, godibili durante una festa a bordo piscina e dalle chiare tinte U.S.A. In alcuni frangenti sono evidenti i richiami a gruppi di punk-rock melodico come Sum 41 o gli ultimi Offspring. L'intero pattern prosegue su questa linea e, in fin dei conti, va bene così, perché è un lavoro che non stanca e si lascia ascoltare con molta leggerazza. Certo, i puristi del rock andranno a cercare citazioni di questa o quella band un po' ovunque (e ne troveranno, eccome se ne troveranno) ma non per questo "Full Nelson" è album sottotono, anzi, ci sono davvero qualità e buoni spunti.



Alcune curiosità: in Robot (Trust In Me) è presente Mike Exeter, ingegnere del suono di band come Black Sabbath e Judas Priest - giusto per citarne alcune - mentre "Back To The Stuck" vuole rendere omaggio a Rick Parfitt, compianto cantante e chitarrista degli Status Quo. Ragazzi, datemi retta, acquistate la nuova fatica dei Massive Wagons, ne vale davvero la pena.





1. Under No Illusion
2. China Plates
3. Billy Balloon Head
4. Sunshine Smile
5. Northern Boy
6. Robot (Trust In Me)
7. Back To The Stuck
8. Hate Me
9. Last On The List
10. Ballad Of Vertun Haydes
11. Ratio
12. Tokyo

 

Recensione
Smashing Pumpkins - Shiny And Oh So Bright, Vol. 1 / LP: No Past. No Future. No Sun.

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming di "Thousand Souls Of Revolution"

Speciale
PREMIERE: guarda il video di "La Notte Di Valpurga"

Recensione
Muse - Simulation Theory

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming di "Il Blu Di Ieri"

LiveReport
Bullet For My Valentine Gravity Tour 2018 - Bologna 31/10/18