Marsh Mallows
V

2014, IndieBox
Hardcore/Punk

Recensione di Francesco De Sandre - Pubblicata in data: 30/11/14

Dopo sei anni di pausa i Marsh Mallows hanno più di una storia da raccontare. “V”, la sintesi del loro sound unico a cavallo tra Rock, Punk e Metal, le raccoglie tutte in un esplosivo concentrato di sincerità, rammarico e personalità. Ciò che resta della prima metà dell’album è, oltre all’impatto dirompente di batteria e cori, la storia di “Lei” ed del suo “narcisismo smisurato”. In una manciata di accordi è incatenato un pezzo coinvolgente e riflessivo. Il disco si incupisce da dopo “Interlude” ma regala da questo punto in poi una sorprendente variabilità: i testi sociali, aspri ed estremi si scontrano con sonorità quasi metalcore in “Protagonisti della Storia”, l’intro acustica e il riff di “Los Angeles Confidence” fondono malinconia ed irruenza, ritmi serrati in “Dolore Acuto” e “La Nostra Vita”. Non manca l’ironia Punk in “Mad Bread 2014” e con due cover d’eccezione (“Alien” e “Civil War”, elogio rispettivamente a Pennywise e Motorhead) si chiude il quinto album della formazione romagnola. “V” è la prova che tanti anni di silenzio hanno fomentato una notevole creatività: la variabilità espressa è una caratteristica basilare di cui questo sottogenere energico si ciba voracemente.

 

Explicit Hardcore nazionale: il giusto compromesso tra velocità, ricerca della melodia e ritmo. Il ritorno in scena dei Marsh Mallows è generazionalmente prezioso e musicalmente accecante: attivi dal 1998 con cinque album e più di 300 concerti in tutta Europa, Jim, Fabs, Andy, Jackie e Teo tornano in gioco carichi di numeri, esperienza, elegante arroganza e, soprattutto, con un disco ben costruito che illumina la scena Punk italiana.





01. Ciò che non mi va
02. Mai più qui
03. Futuro fragile
04. Ricordati di me
05. Lei (Svalvolate Conclusioni)
06. Interlude
07. Protagonisti della storia
08. Los Angeles confidence
09. Dolore acuto
10. Venditori di buio
11. La nostra vita
12. Impazzisco a San Francisco 2014
13. Mad bread 2014
14. Alien
15. Civil war

Recensione
Epica - Omega

Recensione
Alice Cooper - Detroit Stories

Speciale
L'angolo oscuro #19

Intervista
Epica: Mark Jansen

Intervista
Sirenia: Emmanuelle Zoldan

Intervista
Pale Waves: Heather Baron-Gracie