Lo!
Monstrorum Historia

2013, Pelagic Records
Sludge/Post Metal

Recensione di Lorenzo Brignoli - Pubblicata in data: 30/04/13

Sconosciuti, per ora, al grande pubblico gli Australiani Lo! Arrivano al loro secondo album, che esce a due anni di distanza dall’esordio intitolato “Look and Behold”. Così come il debut, anche “Monstrorum Historia” viene pubblicato dalla Pelagic Records, sempre molto attenta alle bands attive nel panorama post metal, scena che ormai sforna un gruppo dopo l’altro. Quando si ascolta un disco proveniente dalla label tedesca ci si aspetta un gruppo con determinate caratteristiche, e i Lo! non fanno eccezione. Difatti, il loro secondo parto mostra in pieno quelle atmosfere oscure, sottolineate da ritmiche lente, tipiche del Post-metal; addirittura certi passaggi sono quasi ai limiti del Doom metal (genere che dopotutto non è così lontano da quello dei nostri) mentre il growling ricorda da vicino i The Ocean di “Precambrian”. Gli australiani non disdegnano l’uso di strumentali (ne troviamo ben 3 su 11) e talvolta alzano i ritmi,alternando così i mid-tempo con gli up-tempo (“Bleak Vanity” è un ottimo esempio a riguardo); insomma l’album è un buon mix dei tipici ingredienti che ci si aspetta da un gruppo di questo genere.

Appunto, il genere, dicevo sopra che il discone riflette in pieno le peculiarità: sono consapevole che non è facile essere originali nel mondo della musica, e probabilmente non è negli interessi del quartetto di Sydney, ma “Monstrorum Historia”, nonostante alcuni passaggi veramente riusciti e intriganti non riesce a mantenere l’attenzione viva per tutta la sua durata. In altre parole, il disco non convince del tutto, lasciando una sensazione di poca originalità complessiva, nelle vocals, nell’alternanza delle ritmiche e nel riffing.

Non fraintendetemi, si tratta comunque di un buon prodotto, piuttosto vario e nel complesso riuscito ma non credo che rivoluzionerà la scena, mentre piacerà di sicuro a chi il genere lo mastica quotidianamente. Anzi, sono sicuro che chi andrà a vedere (o è andato a vedere) il tour di The Ocean e Cult of Luna e si ritroverà i Lo! ad aprire resterà soddisfatto dalla proposta musicale dei nostri, ma se lo Sludge/Post-metal non è il vostro genere, allora è meglio che spostiate le vostre attenzioni altrove.



01.As Above

02.Bloody Vultures

03.Ghost Promenade

04.Caruncula

05.Haven, Beneath Weeping Willows

06.Fallen Leaves

07.Crooked Path – The Strangers Ritual

08.Lichtenberg Figures

09.Bleak Vanity

10.Palisades of Fire

11.So Below (before we disappear)

LiveReport
Cult of Luna European Tour 2019 - Milano 03/12/19

LiveReport
Archive - 25th Anniversary Tour - Roma 03/12/19

LiveReport
Alter Bridge, Shinedown, The Raven Age - "Walk The Sky" Tour 2019 - Assago (MI) 02/12/19

Intervista
The Low Anthem: The Low Anthem

Speciale
Music Industry e innovazione tecnologica: la blockchain come strumento per rivoluzionare il mercato

Speciale
Alter Bridge: la nostra top 20