Enforced
Kill Grid

2021, Century Media Records
Crossover Thrash

Capitolo due per una delle giovani e più promettenti crossover thrash band in circolazione.
Recensione di Matteo Poli - Pubblicata in data: 16/03/21

Originari della Virginia, nati a Richmond nel 2017 da brandelli di act hardcore e punk discioltesi, gli Enforced hanno saputo mettere a punto un sound infuocato che dia conto del loro background, ma anche dei loro gusti, che si tratti di Sacred Reich e Integrity, Bolt Thrower o Amebix. Il loro secondo lavoro "Kill Grid" è una bomba a grappolo in nove detonazioni scagliata con violenza sull'apatia dell'oggi. La band ama infatti etichettarsi "pure crossover" e, prima di questo capitolo, si è fatta strada con due demo ("2017" e "Retaliation") e soprattutto grazie al convincente debutto "At The Walls".


"Descriverei il nostro sound come metal e hardcore" , dice il chitarrista Will Wagstaff, "Amo gli Iron Maiden ed i Morbid Angel, i Poison Idea ed i GISM. Amo tutto ciò che mi ispira. Il nostro obiettivo principale è scrivere musica che combini elementi estremi con una solida scrittura". 
In effetti, l'ispirazione proviene da diverse direzioni ma suonare dal vivo con band come Sacred Reich, Red Death, Iron Reagan, All Out War e Integrity ha plasmato ciò che sarebbe venuto fuori dai giovani virginiani virgulti.
Per realizzare il proprio secondo full-length, la band ha arruolato come sound engineer l'amico di lunga data e esperto di studio Bob Quirk (Iron Reagan) ed il mago di Filadelfia Arthur Rizk per mixare e masterizzare (Power Trip, Cavalera ConspiracyPissed Jeans, Eternal Champion, Ghostemane, Code Orange).


"Abbiamo lavorato con lo stesso ingegnere per tutti i nostri dischi", afferma Wagstaff, "La batteria è stata registrata al The Ward, uno studio di registrazione più vecchio e molto grande con pavimenti in legno e soffitti a volta. Ci siamo giovati anche di un chitarrista ospite, Josh Francisco (BloodRitual, Outsider), che ha registrato alcuni assoli sul disco". 
La nostra sensazione è che a tratti le influenze della band si facciano un po' troppo evidenti (ad esempio, in "Malignance" aleggiano le chitarre degli Slayer e lo stesso stile vocale del frontman in tutto il lavoro ricorda molto Max Cavalera), ma in generale canzoni come "The Doctrine", "UXO", "Curtain Fire" e "Trespasser" amalgamano a dovere le varie influenze; brani, anzi, come la pesante e travolgente title track convincono a pieno anche l'ascoltatore più smaliziato. Sembra che al netto della carica e della perizia esecutiva, la band debba però ancora definire del tutto i dettagli del proprio stile. Non dubitiamo che riservino meraviglie per il futuro, ma già il presente "Kill Grid" è un buon biglietto da visita.





1. The Doctrine
2. UXO
3. Beneath Me
4. Malignance
5. Kill Grid
6. Curtain Fire
7. Hemorrhage
8. Blood Ribbon
9. Trespasser

Speciale
The End Machine - Phase2

Recensione
Primal Fear - I Will Be Gone [EP]

Recensione
Nad Sylvan - Spiritus Mundi

Intervista
Stranger Vision: Ivan Adami, Riccardo Toni

Speciale
Le Easter Egg del rock e del metal

Recensione
Godspeed You! Black Emperor - G_dís Pee AT STATEíS END!