Job for a Cowboy
Sun Eater

2014, Metal Blade Records
Death Metal

Recensione di Stefano Risso - Pubblicata in data: 18/11/14

Un ottimo ritorno per gli americani Job for a Cowboy, partiti anni fa come autentica rivelazione, sfruttando l’allora canale MySpace per farsi un nome ed esordendo con il sorprendente “Genesis”, e arrivati ora alla prima significativa evoluzione della carriera.

I tempi del brutalcore degli inizi sono passati da un pezzo e già dal precedente “Demonocracy” si poteva intuire quello che i nostri avrebbero potuto proporre nel nuovo “Sun Eater”. Un tuffo totale nell’imperante calderone techno/prog che negli Stati Uniti pare aver contagiato la stragrande maggioranza delle band death metal disposte a scostarsi dai soliti standard. Un’evoluzione in questo senso che i Job for a Cowboy compiono con una naturalezza e una consapevolezza nei propri mezzi da autentici fuoriclasse.

Un sound sempre cervellotico e articolato viene sapientemente “tenuto a freno" in modo da mettere ancor più in luce le melodie e gli umori dei brani, sempre cupi, nervosi, continuamente in bilico tra cambi di regime e ripartenze. “Forma canzone: questa sconosciuta”, trovandoci a che fare con i Job for a Cowboy dovrebbe essere ormai assodato, ma fortunatamente quel senso di “mal di testa” a cui avevamo fatto accenno nelle passate recensioni è stato brillantemente superato, proprio grazie alle “nuove” straripanti influenze e alla scrittura dei brani, così ricchi e strutturati da poterci tirare fuori almeno un altro paio di album.

Non ce n’è, e non ce ne vogliano le truppe in difesa al metallo tricolore, in questo campo gli americani sono assolutamente in pole position e i Job for a Cowboy sembrano volercelo ricordare minuto dopo minuto. Auspicavamo una maturazione artistica e l’abbiamo ottenuta, chiedevamo qualcosa di più della solita lezione ipertecnica e ipercinetica e l’abbiamo avuta, desideravamo più feeling e siamo stati accontentati, ora non resta solo che ascoltare questa piccola gemma ancora ed ancora.



01.Eating the Visions of God

02.Sun of Nihility

03.The Stone Cross

04.The Synthetic Sea

05.A Global Shift

06.The Celestial Antidote

07.Encircled by Mirrors

08.Buried Monuments

09.Worming Nightfall 

LiveReport
Archive - 25th Anniversary Tour - Roma 03/12/19

LiveReport
Alter Bridge, Shinedown, The Raven Age - "Walk The Sky" Tour 2019 - Assago (MI) 02/12/19

Intervista
The Low Anthem: The Low Anthem

Speciale
Music Industry e innovazione tecnologica: la blockchain come strumento per rivoluzionare il mercato

Speciale
Alter Bridge: la nostra top 20

Speciale
Pink Floyd “The Later Years 1987-2019”