Jakko Jakszyk
Secrets & Lies

2020, Inside Out
Progressive Rock

L'artista britannico torna con un lavoro solista per la prima volta da quando la sua carriera di voce e chitarra dei King Crimson ha preso il volo.
Recensione di Federico Barusolo - Pubblicata in data: 03/11/20

Quasi 50 anni sono trascorsi dal concerto che cambiò la vita ad un allora tredicenne Jakko M. Jakszyk. È il 1971 e sul palco della Watford Town Hall ci sono i King Crimson. Facile innamorarsi della musica in questo modo, non altrettanto facile convincersi quella stessa notte, davanti a cotanta tecnica e rigoroso stile musicale, che proprio la musica sarebbe diventata la propria professione. Impensabile poi, di trovarsi un giorno a suonare circondato da alcuni dei musicisti che renderanno grande quella stessa band.

 

Oggi, nel 2020, Jakszyk ha alle spalle quasi un decennio di lavoro proprio con i King Crimson, che lo ha portato a calcare alcuni dei più prestigiosi palcoscenici al mondo. Ci è voluto questo anno davvero particolare, però, a frenare questa intensissima attività e a ricordare al cantante britannico che la sua vita è stata tutt'altro che facile, che la musica è stata per lui la via di fuga in un mondo di segreti e menzogne, come racconta nella nostra intervista.

 

"Secrets & Lies", questo il titolo dell'ultimo album solista di Jakszyk, un album che dal punto di vista tematico è profondamente segnato dalle vicende personali dell'artista e dal modo in cui esse inevitabilmente si legano ai più grandi meccanismi che regolano la società in cui viviamo. Ossessione, tradimento, famiglia, politica: questi sono i temi centrali attorno a cui ruota l'universo complesso del disco e attorno cui ruotano anche i talenti di Robert Fripp, Tony Levin, Gavin Harrison, Mel Collins e tanti altri illustri ospiti, appartenenti al mondo Crimson e non solo.

 

"Before I Met You" apre l'album con un piglio post-progressive più affine forse ai Porcupine Tree, con la predominanza di un basso viscerale sul quale strati di chitarra e tastiera suonati in larga parte da Jakszyk fanno spazio a distorti e stridenti stacchi ed assoli di chitarra elettrica. "The Trouble With Angels", primo singolo di "Secrets & Lies", giunge subito dopo in diretta contrapposizione di questo stile, con una ballata riflessiva e atmosferica in cui possiamo sentire le maggiori sfaccettature della batteria curata da Gavin Harrison e del basso di Tony Levin. Batteria, nello specifico, che cresce in presenza è diventa ben presto padrona assoluta del disco, come d'altronde Harrison ci ha sempre abituati, rimodellando a suo piacimento l'anima dei brani. È il caso dei due singoli "Uncertain Times" e "It Would All Make Sense": nel primo si mostra solida e profonda, nel secondo costruisce un dinamico tessuto jazz a sua volta impreziosito dal basso di John Giblin. Dopo la frippiana "Under Lock & Key", l'album chiude con atmosfere ancora nuove. Una stratificata performance a cappella di Jakszyk in "The Borders We Traded" anticipa la suggestiva interpretazione di piano della figlia Amber (Jakszyk), prima che "Separation" riporti il finale del disco in territorio riconoscibilmente crimsoniano.

 

"Secrets & Lies" ci arriva come un lavoro incredibilmente personale, tenuto assieme dallo stesso tema centrale che ha accompagnato l'intera vita dell'artista britannico. C'è moltissimo di Jakko Jakszyk nell'album, persino la partecipazione dei suoi figli Django (basso) e Amber (voci, piano), a testimonianza di quanto l'autore abbia voluto aprirsi e rappresentarsi all'interno di questi undici pezzi. Dal punto di vista musicale registriamo però una minore coesione: brani magistralmente eseguiti (ça va sans dire) che, sentiti singolarmente, potrebbero essere ricondotti a dischi diversi. Nonostante la bravura di Jakszyk nel ricucire e dare una forma ai singoli contributi esterni, è inevitabile che la presenza di un tale numero di leggende viventi della musica abbia talvolta un po' deragliato il percorso dell'album verso sonorità specifiche, suonate da personalità che, pur appartenendo allo stesso ecosistema musicale, sono ben marcate e distinte.





01. Before I Met You
02. The Trouble With Angels
03. Fools Mandate
04. The Rotters Club is Closing Down
05. Uncertain Times
06. It Would All Make Sense
07. Secrets, Lies & Broken Memories
08. Under Lock & Key
09. The Borders We Traded
10. Trading Borders
11. Separation

Recensione
The Smashing Pumpkins - Cyr

Intervista
Amahiru: Frederic Leclercq

Intervista
Marathon: Mark Kelly

LiveReport
Architects - Live at the Royal Albert Hall - Londra 21/11/20

Speciale
Videointervista - Moonlight Haze

Recensione
Iron Maiden - Nights Of The Dead - Legacy Of The Beast, Live In Mexico City