Fortune
II

2019, Frontiers Music
Melodic Hard Rock/AOR

Recensione di Giovanni Ausoni - Pubblicata in data: 26/04/19

Formata dai fratelli Mick e Richard quarant'anni fa, i Fortune si fregiarono dell'interessante, benchè non del tutto rara peculiarità, di pubblicare due album di debutto dal titolo eponimo. Il primo uscì nel 1978 non suscitando grosse attenzioni da parte dei media; il secondo invece, rilasciato nel 1985 a seguito di un'importante ristrutturazione all'interno del gruppo, riscosse un enorme successo di critica e appassionati. Dopo diverse e infelici resurrezioni a partire dal 2006, i nostri tornano ora con un nuovo lavoro, "II", sotto il patrocinio della sempre vigile Frontiers.

Gli USA di Ronald Reagan, la DeLorean, Michael J. Fox e Cynthia Rhodes: il sound dei nostri è puro déjà vu inizio anni ‘80, un tuffo nel periodo più trionfale dell'AOR prima che hair metal e sleaze prendessero possesso di MTV. Il disco mostra in bella vista gli ingredienti necessari a un suo immediato assorbimento: armonie raffinate, vivaci linee di chitarra, sezione ritmica in perenne pulsazione, tastiere che vanno oltre il semplice decorativismo, sintetizzatori a profusione, ritornelli a dir poco orecchiabili.

Ed ecco, dunque, che la radiofonia da stadio di "Shelter Of The Night", "Overload" e "What A Fool I've Been" conquista nostalgici e parvenu, l'esuberante"All The Right Moves" riesce a tener fede in maniera egregia al proprio titolo, le turgide ballate anthemiche "A Little Drop Of Poison (For Amy W.)" e "Heart Of Stone" carezzano e commuovono, il climax ascendente di "The Night" riesuma muscoli e flessioni. La fluida presenza vocale dell'inossidabile Larry Greene e una produzione estremamente nitida aggiungono quel quid in grado di rendere l'opera un piccolo bijou dell'hard rock ad alta concentrazione melodica.
 
La carriera dei Fortune, forse, poteva aspirare a ben altro livello: ma "II" conferma come lo status di cult band, per i californiani, poggi su solide fondamenta. Vintage, naturalmente.




01. Don't Say You Love Me
02. Shelter Of The Night
03. Freedom Road
04. A Little Drop Of Poison (For Amy W.)
05. What A Fool I've Been
06. Overload
07. Heart Of Stone
08. The Night
09. New Orleans
10. All The Right Moves

Recensione
Korn - The Nothing

LiveReport
Alice Cooper - Ol'Black Eyes Is Back Tour 2019 - Torino 10/09/19

LiveReport
Duff McKagan - Tour 2019 - Milano 08/09/19

Recensione
Iggy Pop - Free

Intervista
Sonata Arctica: Tony Kakko

Intervista
Destruction: Marcel Schmier