Savage Messiah
Hands of Fate

2017, Century Media
Heavy Metal

Ai fan spetta la decisione più ardua: scendere a patti con il nuovo volto, meno viscerale e più patinato, dei Savage Messiah, significa rinunciare all'aggressività di un tempo, in cambio però di un disco che scorre via piacevolmente e riesce a mantenere alta la tensione sino all'ultima nota.
Recensione di Icilio Bellanima - Pubblicata in data: 25/10/17

Meglio togliersi subito il dente: i fan della prima ora i Savage Messiah del 2017 li riconosceranno a stento. Gli basterà qualche riff dell'apripista, la title track "Hands of Fate", per comprendere che i 10 anni intercorsi tra il potente e massiccio EP d'esordio, l'ottimo "Spitting Venom", si sentono tutti: gli echi dei Metallica degli anni d'oro sono solo un ricordo, a partire dall'aggressività, notevolmente ridotta, e dalle melodie, ora più ammiccanti che mai (senza però, fortunatamente, risultare melense, o peggio, banali). È ironico: è come se il quartetto londinese avesse deciso volutamente di percorrere lo stesso sentiero, dalla forma di una parabola discendente, del ben più celebre quartetto della Bay Area a cui loro (e un altro fantastiliardo di band) devono tanto, ma con fortune ben diverse (e ci mancherebbe).
 

Perché quegli stessi echi a Hetfield e soci sono rimasti, ma al loro periodo più discusso, quello del "Black Album", e con le dovute proporzioni, siamo certi che anche la fanbase dei Savage Messiah si spaccherà come accadde con quella della band tra le più importanti del pianeta. Richiami evidenti ai 'tallica sono presenti in tracce come "The Crucible" (in cui fanno capolino persino delle armonizzazioni vocali che sembrano più delle strizzate d'occhio, anzi, d'orecchio, agli Alice In Chains di "Dirt", che altro), o l'intro di "Lay Down Your Arms", tra singoli riff e drum pattern presi di peso da quella che per molti die hard fans fu la vera pietra dello scandalo. Con questo però non vogliamo insinuare che la proposta sia peggiorata: pur non spiccando per originalità (inutile ribadirlo ulteriormente), "Hands Of Fate" è un album ben scritto e prodotto, ricco di spunti interessanti, di melodie che si stampano nella mente, e impreziosito dalle potenti linee vocali del cantante/chitarrista David Silver, indubbiamente più morbide rispetto agli esordi, ma non per questo meno pregevoli.

 

Col thrash metal però i Savage Messiah hanno ormai davvero poco a che fare: sono scesi a compromessi, peraltro mai nascosti ("We could appeal to a Trivium fan or an Avenged fan, but hopefully we also have some real metal credibility too", parola di Mr. Silver), smussando gli spigoli (non molti) della loro proposta per renderla ancor più digeribile, spostandosi verso lidi più leggeri ma sempre e comunque heavy, con tanto di trittico ottantiano a metà disco ("Eat Your Heart Out", "Fearless" e la per metà power ballad "The Last Confession"). Ai fan, quelli della prima ora in particolare, spetta la decisione più ardua: scendere a patti con il nuovo volto, meno viscerale e più patinato, dei Savage Messiah, significa rinunciare all'aggressività di un tempo. Ma lo scotto da pagare, al netto di un'endemica mancanza di originalità, viene ricompensato con un disco sì deliberatamente commerciale, ma non per questo brutto a prescindere, anzi: scorre via piacevolmente, e riesce a mantenere alta la tensione sino all'ultima nota, senza momenti di noia o inutili riempitivi.





01. Hands of Fate
02. Wing And A Prayer
03. Blood Red Road
04. Lay Down Your Arms
05. Solar Corona
06. Eat your Heart Out
07. Fearless
08. The Last Confession
09. The Crucible
10. Out Of Time

LiveReport
Cigarettes After Sex - Europe Tour 2019 - Milano 14/11/19

LiveReport
Loud And Proud Fest - Paderno Dugnano (MI) 09/11/19

LiveReport
Opeth - In Cauda Venenum Tour - Milano 09/11/19

LiveReport
Jethro Tull - 50 Anniversary Tour - Roma 07/11/19

Speciale
Quiet Riot - Hollywood Cowboys

Speciale
Foals - Everything Not Saved Will Be Lost Part 2