Godsticks
Inescapable

2020, Kscope
Prog/Alternative Metal

La band gallese torna in scena con un album energico e diretto.
Recensione di Federico Barusolo - Pubblicata in data: 12/02/20

Darran Charles è uno dei musicisti più sottovalutati del panorama artistico internazionale. Tecnica chitarristica sopraffina, unita a un approccio decisamente moderno che deriva da un uso particolarmente studiato delle ottave e da una cura quasi maniacale del dettaglio, sono le caratteristiche principali dell'artista gallese, che è poi in grado di completare il proprio portfolio con una voce potente e profonda, meticolosa allieva di scuola Akerfeldtiana.


Per questi motivi, il progetto musicale a cui da circa 10 anni è dedicato, i Godsticks, suscita grande interesse tra gli intenditori in ambito prog e alternative. In particolare, l'uscita di "Faced With Rage" nel 2017 ha attestato la piena maturità della band dai punti di vista compositivo e del sound, decisamente aggressivo e sfrontato.


E sono proprio questi elementi a essere immediatamente identificabili tra i solchi del nuovissimo disco "Inescapable", uno stile prettamente chitarristico, che non può però fare a meno del preciso estro del basso di Dan Nelson. "Denigrate", ruvida introduzione all'album, si muove subito in questa direzione, con il cattivissimo riff dal quale si fa strada la squillante vocalità di Charles, piacevolmente sostenuta dalle armonie vocali di un complementare Daniel Tompkins (TesseracT), grande ospite di "Inescapable".


L'album prosegue in un saliscendi di coinvolgimento; tra i 9 pezzi di vocazione inevitabilmente diretta spiccano "Surrender" e "Change" per intensità di interpretazione e una varietà vocale inedita nel timbro di Darran Charles. Altri brani sembrano invece scorrere senza lasciare un segno particolare salvo poi essere risollevate da un sempre impeccabile solo di chitarra conclusivo, come nel caso di "Victim" e "Time", forse troppo cariche di pomposi riffoni e meno ricercate da un punto di vista melodico.


"Inescapable" è un buon disco, sicuramente un concentrato di energia perfettamente adatto ad ascolti anche non particolarmente concentrati. Sicuramente, dopo "Faced With Rage" era lecito aspettarsi qualcosina in più, ma ciò non toglie che i Godsticks stanno tracciando un proprio personalissimo sentiero, fatto di tanta tecnica, ma anche di grinta e schiettezza.





01. Denigrate
02. Victim
03. Relief
04. Surrender
05. Numb
06. Change
07. Breathe
08. Time
09. Resist

Speciale
Tokyo Motor Fist - Lions

Speciale
Come as you are: Kurt Cobain and the grunge revolution

Speciale
L'angolo oscuro #4

Intervista
Paralydium: John Berg

Speciale
Blue Íyster Cult - iHeart Radio Theater N.Y.C. 2012

Speciale
Follow the White Pony: 12 curiositÓ sul capolavoro dei Deftones