Wayward Sons
Ghost Of Yet To Come

2017, Frontiers Music
Hard Rock

Presentano il loro disco di esordio i Wayward Sons: dieci tracce concepite per dare il massimo on stage ma che possiamo comunque gustarci in attesa di una data live...
Recensione di Alessandra Manini - Pubblicata in data: 14/09/17

Nati dal desiderio e l'intento di dar vita ad un progetto musicale che vertesse sull'energia del live e la capacità dei propri interpreti di esprimersi on stage senza alcuna riserva, i Wayward Sons si presentano al pubblico internazionale con un disco di esordio frizzante per inventiva e tenacia, ma allo stesso tempo classico, per l'estrema fedeltà al genere Hard Rock. Una cover art che meriterebbe lo scaffale di una fumetteria, accattivante, con tinte innegabilmente eccentriche ed una resa che richiama la grafica di animazione digitale ed ovviamente, per aumentarne il fascino, un punto interrogativo che avvolge i tre attorno al tavolo da laboratorio, dove, contro la sua volontà viene trattenuta una cavia dalle caratteristiche fin troppo note: infatti legata e con gli occhi sbarrati non è altri che la Statua della Libertà. Innegabile come della cover art ci piacerebbe parlarne con la band così da svelarne il mistero.
 
 
Il leader della formazione merita qualche riga, prima di calarci nei meriti di "Ghosts Of Yet To Come": si tratta di Toby Jepson, un nome già noto agli affezionati hard & heavy che non avranno di certo dimenticato la sua cavalcata negli anni '80 e '90 alla guida dei Little Angels. Rimasto saldamente legato all'ambiente musicale, più propriamente alla sedia di produzione, Jepson in questi anni ha continuato a tener viva la propria passione dando alla penna il giusto spazio creativo, portato alla luce con questo progetto e apprezzabile da questo 15 settembre con il rilascio del disco. L'album è firmato con la qualità della Frontiers Music e strumentalmente da elementi di prima scelta.

I fratelli Wayward sono Nic Wastell bassista, noto per un passato con la band inglese nata negli anni '80 Chrome Molly, il batterista Phil Martini che ha prestato le proprie bacchette per Spear Of Destiny, Quireboys, Joe Elliot's Down e Outs, il chitarrista carismatico Sam Wood ed il tastierista Dave Kemp collaboratore per lungo tempo di Jepson. "Ghosts Of Yet To Come" si compone di dieci tracce intense, senza fronzoli o eccessi ma arricchite da un corpo strumentale solido, riconoscibile, tecnicamente ineccepibile e capace di mettere in primo piano le abilità vocali del frontman Toby Jepson, che in barba alle 50 primavere che si avvicinano, sposa acuti e tonalità che lasciano senza fiato. "Alive" è la canzone di apertura e l'Hard Rock, nel senso più aulico del termine, non potrebbe essere più d'accordo; si tratta di un pezzo forte, convinto, che coinvolge e trascina tra le sonorità magnificamente disegnate dalla band. Il fantasma si riconferma un denominatore tra il nome di battesimo del disco ed una delle tracce: con "Ghost" si fa infatti spazio una consapevolezza latente, forse legata anche alla cover art, mossa ed alimentata dagli spettri del nostro tempo. Pertanto quando le parole vengono a mancare e risultano inutili, forse ritrovarci ad ascoltare noi stessi potrebbe essere la più grande delle scoperte, soprattutto se sono un riff accattivante di basso ed i virtuosismi di una chitarra elettrica ad accompagnarci. Una nota sopra tutte accompagna "I Don't Wanna Go", traccia entusiasmante, un vero e proprio singolo con tutte le caratteristiche per far incatenare testo e melodia a chiunque abbia il piacere di ascoltarla. Il pezzo rispecchia le sonorità Hard Rock, il solo incisivo, la batteria sempre con il piede sull'acceleratore e soprattutto un Jepson empatico, energico e dannatamente arena rock, perché è pur vero che l'album è stato concepito per essere suonato dal vivo, ma questa traccia a differenza delle altre non può essere immaginata in nessun altro contesto se non davanti ad un pubblico che si scatena. "Something Wrong" chiude infine l'album anche se non sembrerebbe affatto, perché nonostante si tratti di un esordio, le qualità, la quantità e lo spessore di questo lavoro fanno presagire un seguito per quanto riguarda il lavoro in studio. I soli di Wood ne confermano carisma e personalità facendo apprezzare il suo scivolare sulle sei corde; passando alle quattro corde di Wastell, più volte gli vengono affidati spazi, tra intro e conclusioni, che il bassista interpreta con sfumature capaci di colpire anche i meno avvezzi al genere, il tutto in grande sintonia con il batterista Martini che per l'intera durata del disco non hai mai allentato il mordente, mantenendo il battito cardiaco accelerato. Non da meno il collante strumentale, il tastierista Dave Kemp, che nei ritornelli impreziosisce ulteriormente la trama melodica realizzata dalla band.

 

Ovviamente le premesse non fanno altro che portarci a sperare in una data degli Wayward Sons in Italia, magari in questo autunno, avendo la certezza che sarà un tour ad accompagnare l'uscita del disco. Toby Jepson & compagni non possono che essere accolti dalle positive conferme della critica e la massima curiosità per quanto riguarda le performance live.




01.Alive
02.Untill The End
03.Ghost
04.I Don't Wanna Go
05.Give It Away
06.Killing Time
07.Crush
08.Be Still
09.Small Talk
10.Something Wrong

Speciale
Dukes Of The Orient - Freakshow

Speciale
Deep Purple - Whoosh!

Speciale
Arctic Rain - The One

Speciale
Black Rose Maze - Black Rose Maze

Speciale
Ramos - My Many Sides

Speciale
Broadside - Into The Raging Sea