Frank Capitanio
The Last Man

2017, Indipendente
Alternative Rock

Recensione di Paolo Spera - Pubblicata in data: 23/09/17

"Un uomo che dà un'ultima possibilità a se stesso": è con questa frase che tre giovani della provincia di Teramo hanno definito l'identità e la filosofia che sta dietro al loro album di debutto: "The Last Man".

 

Si tratta di Frank Capitanio, terzetto formato nel 2016 da Frank, Eddy e Lory, il cui disco d'esordio ruota attorno a 10 nostalgici brani sul tema della resilienza e del coraggio, nella cornice di un viaggio che inizia con lo scopo di trovare sé stessi e termina con la consapevolezza che abbattere ogni muro che la vita ci pone davanti sia l'ultima possibilità che possiamo darci. Questo è "The Last Man" e rappresenta qualsiasi persona che, nelle situazioni più difficili e inaspettate della vita, riesce sempre a trovare un modo per superare ogni ostacolo. È la storia di ognuno di noi ed è un riflesso costante anche nella loro vita, come fanno intendere fin dall'artwork del disco che mostra i tre protagonisti fusi in un solo uomo.

 

Fin dal primo brano, la toccante ballad "Reason To Fly", si percepisce la forte influenza delle band che hanno ispirato i nostri, i quali hanno plasmato il proprio suond sia sul rock anni '90 che su quello di altri nomi dei primi 2000 come ad esempio, tra gli altri, Incubus e Muse. Del resto, da sempre, croce e delizia di ogni band esordiente sono le nette somiglianze con i loro storici beniamini che non tardano a riproporsi anche durante il rapping finale di "All The Time Lost". Ma tutto può ancora cambiare e "Dena" ci riesce rendendo giustizia all'album con uno dei pezzi più belli del disco. Una ballad di puro stampo rock, elaborata e decisamente non scontata a realizzare uno degli highlights del disco, non per nulla è stato il primo singolo estratto. Un attacco di basso ed un divertente gioco di chitarre, quasi a voler simulare il suono dello storico organo Hammond anni '60, spacca a metà la tracklist con "Loser". Bisogna ammettere che il punto forte di Frank Capitanio sono le ballad ed "Easy" ne è un esempio concreto: i tre riescono a costruire un buon pop rock su un giro di chitarra frequentemente usato in musica, e di conseguenza ritenuto poco originale, ma il cantato riesce a sorvolare sopra ogni perplessità.


Ad ogni modo, è la title track, "The Last Man", la migliore traccia per descrivere quelle che sono le due facce dell'album: a tratti romantico, a tratti duro, spietato. Ma un artista non è ritenuto tale se non ha una musa alla quale dedicare dolci parole e ciò chiama in causa la penultima canzone del disco, "Thank you", una delle tracce più romantiche dell'album alla quale Frank stesso è maggiormente legato come ci ha raccontato durante la nostra intervista.

Ciò che particolarizza questo debutto è però la sua atmosfera che, di brano in brano, si fa sempre più cupa e struggente, raggiungendo il culmine durante l'ultimo pezzo, "Choose The Day" quasi a voler mostrare il protagonista di questo viaggio sonoro (the last man) liberarsi dalle proprie catene ed evadere alla ricerca della propria identità.

 

Coloro che fossero interessati a sperimentare questa giovane proposta del rock italiano, si prepararino a suoni emozionanti e sentimentali, senza però aspettarsi nulla di estremo. Dieci tracce a salutare da lontano il frastuono e la rabbia che gli anni '90 ci hanno mostrato e lasciato, ma che non si è (ancora) in grado di replicare.





01. A reason to fly
02. All the time lost
03. Dena
04. Long aeay
05. Loser
06. Misery
07. Easy
08. The last man
09. Thank you
10. Choose the day

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming di "Via Roma"

Speciale
Lacuna Coil (Diego DD Cavallotti)

Speciale
Imagine: un tributo all'amore di John Lennon per Yoko Ono e per la musica

Intervista
Slash Feat. Myles Kennedy And The Conspirators: Myles Kennedy

LiveReport
Europe - Walk The Earth World Tour 2018 - Bologna 02/10/18

Speciale
PREMIERE: guarda il video di "Alien Shivers"