The Murder Of My Sweet
Echoes Of The Aftermath

2017, Frontiers Records
Rock/Symphonic Metal

Recensione di Roberto Di Girolamo - Pubblicata in data: 27/01/17

Dopo il concept "Beth Out Of Hell" che li ha aiutati a far circolare il nome tra fan e addetti ai lavori, riaffiorano sulle scene gli svedesi The Murder Of My Sweet, ancora supportati per l'occasione dalla nostrana Frontiers.
 

Globalmente in "Echoes Of The Aftermath" la musica si è fatta in qualche modo più ariosa rispetto al precedente lavoro e a "Bye Bye Lullaby", senza tuttavia tralasciare passaggi dalle sonorità più drammatiche, uno dei tratti peculiari della band sin dall'esordio. Anche questa volta il gruppo regala episodi di livello come la ottima title-track dal ritornello luminoso e "Personal Hell", entrambi brani eccellenti, ben scritti e arrangiati. Ad un livello leggermente più basso troviamo le più che buone "Flatline", "Loud As A Whisper" e "Shining After Dark", tutte dotate di aperture melodiche di sicura presa e del giusto piglio. Il problema che però è presente in tutte le restanti composizioni è quello di un incidere anonimo e impersonale, afflitto da molti passaggi a vuoto (l'opener "Sleeping Giant" ne è un chiaro esempio) o da un prolissità generale che se limata in fase di stesura avrebbe dato al disco tutt'altra efficacia.

 

La produzione è pulita e ordinata, senza però compensare a dovere la parte musicale del disco: le chitarre ritmiche sono ancora prive al contempo del giusto corpo e della giusta definizione, caratteristica questa condivisa anche in parte con i precedenti lavori, segno che la band non ha cambiato troppo il proprio modus operandi. In generale la resa sonora sembra quasi regredita da "Beth Out Of Hell" e spesso durante gli interventi di chitarra solista la quantità di orchestrazioni e synth è ancora troppo prominente, togliendo così potenza agli assoli.

 

Concludendo, "Echoes Of The Aftermath" è un buon disco, che con una produzione più curata, qualche arrangiamento più audace e un songwriting più focalizzato avrebbe dato vita a un risultato di ben altro respiro. Il disco rimane comunque la testimonianza di un gruppo che ha ancora margini di crescita e miglioramento, nonostante non sia più certo una band emergente. 





Speciale
Toliman - Abstraction

LiveReport
Cult of Luna European Tour 2019 - Milano 03/12/19

LiveReport
Archive - 25th Anniversary Tour - Roma 03/12/19

LiveReport
Alter Bridge, Shinedown, The Raven Age - "Walk The Sky" Tour 2019 - Assago (MI) 02/12/19

Intervista
The Low Anthem: The Low Anthem

Speciale
Music Industry e innovazione tecnologica: la blockchain come strumento per rivoluzionare il mercato