Gotthard
Defrosted 2

2018, Nuclear Blast Records
Hard Rock

Gradito ritorno dei Gotthard con il seguito del fortunatissimo "Defrosted" del 1997
Recensione di Matteo Poli - Pubblicata in data: 12/12/18

Può sembrare paradossale, ma spesso si conoscono e si apprezzano meglio i prodotti culturali di chi ci è distante (vedi gli USA) rispetto a chi ci è prossimo e vicino. Per l'Italia, questo è esattamente il caso di quasi tutto ciò che arriva dalla Svizzera, essendo gli italiani molto spesso strutturalmente diffidenti nei confronti dei propri vicini. Pensiamo ai Gotthard: fanno musica da 26 anni, sono nati nel Canton Ticino (Svizzera italiana) e il loro nome stesso allude al passaggi dall'Italia alla Svizzera italiana (il San Gottardo, appunto); nei loro concerti, salutano sempre il pubblico in tre lingue (tedesco, italiano, inglese); ogni loro uscita discografica corre invariabilmente ai vertici delle classifiche elvetiche (ma entra anche in quelle tedesche, sudamericane e giapponesi), hanno venduto milioni di dischi in tutto il mondo, su di loro sono stati girati documentari (l'ultimo: "Gotthard - One Life, One Soul" è stato presentato lo scorso anno al Festival del Cinema di Locarno); nel 2010 muore tragicamente in un incidente d'auto il cantante e fondatore Steve Lee, ma la band non si arrende e nel 2012 si presenta rinnovata e fiammante per un nuovo album e per partecipare al primo tour nordamericano; lo stesso anno, un concorso bandito dalla webzine rockmeeting.com ha eletto il loro ultimo lavoro ("Firebirth") come miglior hard rock album dell'anno, battendo Kiss e Van Halen.


Insomma, quando si parla di hard rock del terzo millennio, impossibile non parlare di loro; eppure nel nostro Paese - complice forse l'atavica diffidenza nei confronti dei nostri vicini svizzeri - i Gotthard non hanno mai ricevuto le attenzioni che meriterebbero. Motivo ulteriore per segnalare l'uscita di questo doppio live unplugged: "Defrosted 2" si presenta come seguito del fortunatissimo "Defrosted" del 1997, che ottenne il doppio platino e fece conoscere l'act al di fuori dei confini del genere.
Occasione anzitutto per fare conoscenza col lato più melodico, accattivante e commercialmente redditizio della loro produzione: le ballad che, dato il genere, dominano il doppio live. Ma non solo, perché il set acustico ci presenta in versione soft (ottimo il lavoro delle coriste, tra l'altro) molte delle hit più graffianti e non sempre l'addolcirsi equivale al sedersi: ascoltare, tra le altre, "Tequila Symphony" con quartetto d'archi diretti da Barbara Kubli, oppure l'immancabile cover di "Hush" (di Joe South, da cui anche la versione dei Deep Purple), oppure "Starlight", striata di distorsioni. Il tiro e il feeling, anzi, non fanno mai difetto alla band neppure nei momenti di maggior romanticismo, né si avvertono cadute in due ore di ascolto. L'act si mostra in grado di riarrangiare con gusto e fantasia i brani più duri, ma anche di saper presentare quelli melodici in chiave spesso nuova ("Anytime, Anywhere", "Sister Moon"). Il pensiero corre al paragone con il celebre "Unplugged" dei Kiss di metà anni '90, ma nel confronto i Gotthard non sfigurano. Occasione, inoltre, per godere delle qualità del nuovo singer, svizzero ma naturalizzato australiano, Nic Maeder che qui dimostra di padroneggiare con abilità il materiale, passando con disinvoltura dal repertorio classico ai nuovi lavori e ricevendo il plauso dal pubblico. 

 

Ci sono anche due inediti: una ballad commovente ("What I Wouldn't Give") e un blues/rock con Francis Rossi degli Status Quo ("Bye Bye Caroline"). Davvero ottimo il lavoro delle chitarre di Leo e Freddy, che conferisce grande unità e sentimento all'amalgama sonoro. Ma, nel recensire questo lavoro, non possiamo tacere il contributo fondamentale che il "membro ombra" di qualsiasi live album dona alla resa finale: il pubblico, che ci piace immaginare eminentemente elvetico ma non solo, di rado così caloroso, partecipe e reattivo come nell'accompagnare con cori, ritornelli, battimani e infinito entusiasmo l'intero album, dimostrando un amore e una conoscenza dei Gotthard che altre band - anche più note - invidierebbero. Di rado, e forse proprio per l'alto tasso di elveticità della partecipazione, si avverte come nell'ascolto di questo lavoro un reciproco riconoscimento tra pubblico e band. In conclusione, se non conoscete ancora i Gotthard, "Defrosted 2" potrebbe essere il sottofondo ideale del vostro "Christmas confort" mentre se già li conoscete e stimate, ne potrete qui apprezzare a pieno il lato più dolce ed avvolgente.





01. Miss Me
02. Out On My Own
03. Bang!
04. Sweet Little Rock 'n' Roller
05. Beautiful
06. Feel What I Feel
07. Hush
08. Remeber It's Me
09. Stay With Me
10. Tequila Symphony
11. Mountain Mama
12. Why
13. C'est La Vie
14. One Life One Soul
15. Tell Me
16. Starlight
17. Sister Moon
18. Right On
19. Lift U Up
20. Heaven
21. Anytime, Anywhere
22. Smoke On The Water
23. Bye Bye Caroline
24. What I Wouldn't Give (Acoustic Version)
25. What I Wouldn't Give (Orchestral Version)

Intervista
Fever 333: Jason Aalon Butler, Stephen Harrison, Aric Improta

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming di "In the Air"

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming di "Elefanti e Tulipani"

Speciale
Solo il cielo sapeva cosa stava accadendo

Speciale
Chiaroscuro Rock (II Parte)

Speciale
SRplay Best Of 2018