Baest
Danse Macabre

2018, Century Media
Death Metal

Un po' di cattiveria in più non avrebbe fatto male, ma i Baest dimostrano di sapere benissimo il fatto loro

Recensione di Icilio Bellanima - Pubblicata in data: 25/08/18

Freschi di contratto con un'etichetta importante come la Century Media, i danesi Baest ("bestia", nella loro lingua) si affacciano sul mercato con un debutto, "Danse Macabre", massiccio e interessante, scarsamente originale, ma perfettamente in grado di regalare gran bei momenti di sano death metal. Quello proposto dal quintetto di Aarhus è di matrice principalmente svedese, quello cultore delle chitarre a motosega, ma le influenze della scuola americana li avvicinano più ai Bloodbath che agli Entombed, da cui prendono in prestito un gusto melodico mediamente di buon livello e soluzioni mai troppo veloci e asfissianti.
 

Ne è un buon esempio l'opener, "Crosswhore", usato anche come singolo, o i momenti puramente acustici che introducono la title track, e la strumentale "Ritual", ma è nell'assassina e svedese fino al midollo "Hecatomb", o nella tellurica "Atra Mors", che la band sfodera tutta la sua potenza, dimostrando come non serva necessariamente un tupa-tupa perenne per sfornare un buon disco death metal. I Baest giocano spesso con le melodie, cercando di proporre soluzioni un minimo originali (ma senza mai riuscirci pienamente), in particolare negli assoli, e in generale, pur non mancando le sfuriate, mantengono mediamente ritmi non troppo serrati, lasciando quanto più spazio possibile al riffing curato e preciso. Una volontà ribadita anche dalla produzione, che alle chitarre old-school aggiunge un tocco di pulizia ai restanti componenti, dando più importanza all'esecuzione che alla potenza, che rappresenta però un parziale difetto, più che un pregio, a dirla tutta, visto il genere di riferimento. Un po' di cattiveria in più non avrebbe fatto male, questo è poco ma sicuro.

 

Nonostante quest'ultima critica, i Baest dimostrano di sapere benissimo il fatto loro: al netto di una scarsa originalità e potenza devastante, abbiamo apprezzato la loro capacità di intessere riff interessanti (nell'ultima track, "Ego Te Absolvo", per qualche istante ci hanno persino ricordato gli ultimi Enslaved, quelli più istrionici e progressive). Il risultato finale è indubbiamente un buon debutto, non troppo acerbo, e per nulla avaro di momenti pregevoli.




01. Crosswhore
02. Hecatomb
03. Danse Macabre
04. Atra Mors
05. Messe Macabre
06. Ritual 
07. Vortex
08. Ego Te Absolvo

Speciale
Sei valide ragioni per partecipare al Copenhell

LiveReport
Sziget 2019: la 27esima rivoluzione dell'amore - Budapest 07/08/19

Intervista
Twilight Force: Alessandro Conti (Allyon)

Recensione
Equilibrium - Renegades

Recensione
Slipknot - We Are Not Your Kind

LiveReport
Metal for Emergency 2019: Anthrax, Destrage & more - Filago 04/08/19