Crohm
Failure In The System

2020, Sliptrick Records
Heavy Metal

Recensione di Giovanni Ausoni - Pubblicata in data: 10/02/20

Italia, Valle d'Aosta, patria e quartier generale dei Crohm, formazione nata nel lontano 1985 e autrice, negli ultimi anni, di due album in crescendo come "Legend And Prophecy" (2015) e "Humanity" ("2017"). Il loro ritorno discografico rappresenta un nuova conferma della bontà di un gruppo in grado di trovare stimoli e quadratura dopo un lungo apprendistato live e una reunion che sembrava sancirne il patetico e risolutivo au revoir: e invece la storia recente ha dimostrato, fortunatamente, il contrario.

"Failure In The System" è un lavoro che, se dal punto di vista lirico, si interessa dei controversi rapporti tra uomo e ambiente, mescolando rabbia e speranze di cambiamento, da quello musicale poggia su un classico heavy a tinte thrash dal songwriting solido e una produzione ad hocMetallicaPantera, ma anche Black Label Society e Monster Magnet, dal momento che i nostri non indietreggiano di certo quando bisogna assorbire influenze stoner e southern, soprattutto in pezzi quali "Deep Blue" e "The Man Without Voice". Le chitarre, aguzze e melodiche, poggiano su una sezione ritmica che compie egregiamente il proprio lavoro sia nei brani più sostenuti e comunque catchy ("Failure In The System", "Restart", "Ride The Storm", "Fire And Ice"), sia nei mid-tempo (la proggy "Castles Of Sand"), mentre la voce di Sergio Fiorani riesce a bilanciarsi tra le maglie di un seducente compromesso alcolico-riflessivo. Da sottolineare, poi la metal version della beatlesiana "Eleanor Rigby": calda, aggressiva e sorprendentemente adatta al contesto. Per il resto, ordinaria amministrazione.

I Crohm, con "Failure In The System", entrano definitivamente nella cerchia di quelle band dello Stivale capaci di proporre un sound dal taglio internazionale senza risultare, fin dove possibile, troppo derivative. Bravi.




01. Failure In The System
02. Restart
03. Castles Of Sand
04. What Is Behind?
05. My Brother
06. Deep Blue
07. Eleanor Rigby
08. Until You Disappear
09. The Man Without Voice
10. Ride The Storm
11. Fire And Ice
12. The Wash-Sin Machine
13. Legend And Prophecy (bonus track)
14. Mountains - Heavy Folk Version (bonus track)

Recensione
Tame Impala - The Slow Rush

Intervista
Dropkick Murphys: Matt Kelly

Intervista
Sabaton: Hannes Van Dahl

LiveReport
Slipknot e Behemoth: così parlò la maschera, il racconto del concerto di Milano - Assago (MI) 11/02/20

Recensione
Green Day - Father Of All...

Intervista
Delain: Charlotte Wessels, Martijn Westerholt