Drug Church
Cheer

2018, Pure Noise Records
Alternative / Punk

Recensione di Giovanni Ausoni - Pubblicata in data: 18/11/18

Negli ultimi cinque anni, i Drug Church hanno trasmesso all'hardcore punk una nuova energia, contando su un songwriting piuttosto originale, almeno per gli standard del genere, e sulla voce impressionante di Patrick Kindlon: la constatazione che il loro terzo album, "Cheer", cambi direzione rispetto ai lavori precedenti, non può non prescindere dall'accasamento dei nostri sotto l'egida della Pure Noise Records. La band, infatti, flirta a carte scoperte con la melodia, pur non abbandonando del tutto le radici selvatiche degli esordi: un sound diverso e familiare, oscuro e bizzarro, capace di lasciare al tempo stesso interdetti e affascinati e che, nel bene come nel male, rappresenta la testimonianza di una formazione riottosa all'incasellamento e alla normalizzazione.
 
 
Se i novantotto secondi dell'opener "Grubby", caratterizzata dai mugghi striduli del singer disseminati ovunque, compendia, con gusto spigoloso e salace, Ramones Green Day, i brani seguenti chiariscono che è il pop rock ad alimentarne la natura strutturale: anzi, volendo spingersi più a fondo nell'analisi, il combo prende di peso il grunge e i suoi derivati rileggendoli in chiave sardonica e provocatoriamente filologica, soprattutto quando si tratta di alternare gli schiamazzi del ritornello alla mansuetudine delle strofe. In effetti "Strong References" e "Avoidarama" sembrano scritte da Black Francis prestato per un attimo agli Screaming Trees meno autocommiserativi e anche "Dollar Story" e "Weed Pin" non si discostano poi molto dalla scia tracciata, adagiandosi su un ritmo stranamente narcolettico punteggiato da brevi esplosioni di acidità. Certo, resta lo spazio per una "Unlicensed Hall Monitor" da grido liberatorio dopo una giornata stressante, ma con  "Conflict Minded" e "Tilary" il gruppo torna a quel misto di svogliatezza, rabbia e umorismo nero in cui a volte appare difficile delineare il confine tra la strizzatina d'occhio furbesca e l'ansia apotropaica.
 
 
In conclusione, benché "Cheer" si ascolti volentieri, non cagioni sonnolenza, diverta e faccia pensare, non si può negare che in alcuni momenti il disco perda in dinamismo e creatività, procurando qualche rimpianto per i Drug Church corrosivi ed essenziali del passato: complimenti, comunque, per l'anabasi stilistica.




01. Grubby
02. Strong References
03. Avoidarama
04. Dollar Story
05. Unlicensed Guidance Counselor
06. Weed Pin
07. Unlicensed Hall Monitor
08. Foam Pit
09. Conflict Minded
10. Tillary

Speciale
PREMIERE: guarda il video di "Black Ink"

Intervista
Opeth: Fredrik Åkesson

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming di "Il Primo Uomo Sulla Luna"

LiveReport
Nightwish - Decades World Tour - Assago (MI) 04/12/18

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming de "Il Vento"

Speciale
PREMIERE: guarda il video di "Nowhere Latitude"