Forever Still
Breathe In Colours

2019, Nuclear Blast
Gothic Rock

I Forever Still presentano un secondo album di notevole qualità e lasciano intravedere diversi ed intensi colori attraverso l'oscurità.
Recensione di Fabio Polesinanti - Pubblicata in data: 07/04/19

Pennellate di colore, sprazzi di luce che risaltano nell'oscurità più totale. In questo modo si può riassumere il secondo album dei Forever Still, che trasmettono questa immagine nel concept, nei testi e, ovviamente, nell'aspetto puramente musicale del loro sound. Quasi tre anni fa Nuclear Blast ha dimostrato di essere lungimirante, scommettendo sul gruppo danese e riconoscendo in Maja e Mikkel, fulcro e cuore pulsante della band, una notevole dose di talento e personalità, sbocciati al massimo nell'ottimo debutto "Tied Down". Forse più difficile per una band è ripetersi alla seconda fatica dopo un inizio così sfolgorante e il compito per il gruppo non è sicuramente stato facile, a fronte di aspettative molto alte.

 

Partendo dal titolo e dal concept di "Breath in Colours" si percepisce già un notevole studio e uno sviluppo di idee attuali e decisamente interessanti: la società odierna, dove la tecnologia la fa da padrone e l'animo umano, relegato in disparte, quasi a semplice comparsa. La vita digitale e virtuale contrapposta ai sentimenti reali. Più semplicemente, l'oscurità e il colore. I concetti, ben sviluppati nella nostra intervista con la singer Maja, sono spunti decisamente interessanti per un lavoro che richiama riflessione e qualità. E con grande soddisfazione, si nota in queste dieci tracce un notevole passo avanti anche dal punto di vista compositivo e musicale. Le coordinate rimangono quelle di un perfetto mix tra grunge rock, gothic, heavy metal e un pizzico di elettronica, perfettamente dosati e amalgamati in quantità variabile nelle varie canzoni dell'album.

 

"Rewind" alterna la durezza delle chitarre e dei riff pesanti con pennellate di melodia e dolcezza scaturita dalla voce di Maja. In "Fight" invece le carte si scombinano e la singer alterna alcune parti in scream, che mettono in risalto l'impatto e l'aggressività del brano. La bellissima title track galleggia tra malinconia, speranza e desiderio, offrendo un perfetto quadro completo di cosa esprime l'album dal punto di vista compositivo e musicale, in un caleidoscopio di sensazioni. "Is It Gone?", sicuramente il miglior pezzo del disco, è semplicemente da pelle d'oca e Maja ci guida con la sua dolcezza in una rock ballad da brividi. Si percepiscono in alcuni brani riferimenti allo stile degli ultimi lavori dei Lacuna Coil, sopratutto dell'ultimo "Delirium". Ad esempio nella costruzione ritmica di "Survive" o in "Do You Wrost", anche se sempre grazie alla voce di Maja e ad alcune scelte stilistiche, i Forever Still riescono a dare una loro impronta davvero personale e riconoscibile. Sanno emozionare quando diminuiscono i ritmi come in "Pieces" o in "Say Your Goodbyes", ma allo stesso modo conquistano con pezzi di impatto come la dolce e aggressiva "Embrace The Tide".

 

"Breathe In Colours" è un deciso passo in avanti sotto tutti i punti di vista per i Forever Still, che confeziona un piccolo gioiellino da ascoltare e riascoltare. Maja e Mikkel hanno sapientemente saputo attingere dalla propria esperienza personale e di gruppo, maturando in maniera decisa e sfruttando al meglio i periodi di tour a fianco di band più blasonate (Children Of Bodom e Lacuna Coil) per crescere sotto diversi aspetti. Il loro sound oggi, con questo secondo lavoro si è rafforzato e ha compiuto quel salto di qualità che lo rende decisamente riconoscibile. Si tratta di un'evoluzione che molte band riescono a fare dopo molto più tempo, ma i Forever Still ci riescono già in questa seconda release, dimostrando un grande impegno, supportato da una spessa base di qualità. Continuando così, il futuro della band non potrà che essere pieno di colore.





01. Rewind
02. Fight!
03. Breathe In Colours
04. Is It Gone?
05. Survive
06. Do Your Worst
07. Pieces
08. Rising Over You
09. Say Your Goodbyes
10. Embrace The Tide

Speciale
Sei valide ragioni per partecipare al Copenhell

LiveReport
Sziget 2019: la 27esima rivoluzione dell'amore - Budapest 07/08/19

Intervista
Twilight Force: Alessandro Conti (Allyon)

Recensione
Equilibrium - Renegades

Recensione
Slipknot - We Are Not Your Kind

LiveReport
Metal for Emergency 2019: Anthrax, Destrage & more - Filago 04/08/19