Borknagar
True North

2019, Century Media Records
Progressive Metal/Rock

Recensione di Giovanni Ausoni - Pubblicata in data: 01/10/19

Dopo l'uscita di "Winter Thrice" (2016), i Borknagar vennero investiti, per l'ennesima volta, dalla loro nemesi storica, ovvero i cambi di line-up, annunciati progressivamente sui social network. Non soltanto l'arrivo di Bjørn Dugstad Rønnow e Jostein Thomassen in sostituzione di Baard Kolstad e Jens F. Ryland, rispettivamente alla batteria e alla chitarra, ma, soprattutto, la sorprendente partenza di Vintersorg, frontman della band dai tempi di "Empiricism" (2001) e che molto aveva contribuito alla foggia catchy degli album a seguire. Nonostante defezioni e nuovi arrivi, "True North" custodisce integro il trademark di un gruppo capace di mutare pelle rimanendo, comunque, ligio alla propria essenza: merito principalmente del lavoro di ICS Vortex e Lars Nedland, che spingono la creatura norvegese verso lidi cari ad Arcturus e Solefald, oltre a dividersi mirabilmente i compiti dietro al microfono.

 

La caratteristica principale del disco sta nel suo essere eterogeneo e proteiforme non tanto in termini di qualità, quanto nella direzione musicale dei singoli pezzi. Certo, il lotto si poggia sulla ormai familiare struttura progressive adottata dal combo scandinavo da "Quintessence" (2000) in poi: momenti impetuosi alternati a lunghi passaggi contemplativi, melodie malinconiche intrise di folk, sprazzi di black metal in tremolo picking, il ricorso regolare al (doppio) cantato pulito a scapito di aneddotiche harsh vocals, l'attenzione a non scivolare in una teatralità da cartolina.

 

A differenza, però, degli ultimi LP, nei quali i brani seguivano un indirizzo comune, qui ogni composizione appare facilmente distinguibile l'una dall'altra."Thunderous" apre le danze in maniera diretta prima di prendere un piega articolata e complessa, "Up North" e "Mount Rapture" mostrano una spiccata facies rock anni '70, "The Fire That Burns" arde di reminiscenze nere, "Lights", "Wild Father's Heart", e "Voices" suonano intime e toccanti, "Into The White" e "Tidal" rappresentano il trionfo del prog più epico e sfaccettato. E in un profluvio magmatico di Hammond, archi campionati, cori maestosi e refrain accattivanti, diventa davvero una sfida non lasciarsi ammaliare da un songwriting al tempo stesso lirico e descrittivo, a cui perdonare qualche nota di manierismo dolciastro non costa, in fin dei conti, troppa fatica.

 

Uno stato di costante meraviglia di fronte a una natura pura, selvaggia, crudele: vale sempre la pena viaggiare in compagnia dei Borknagar nelle terre del "True North", tra picchi ricolmi di neve e panoplie di torrenti ghiacciati. Eppure anche il freddo sublime riesce ad avvertire il calore del cuore.





Recensione
Alter Bridge - Walk The Sky

LiveReport
Volbeat - Rewind, Replay, Rebound World Tour - Milano 14/10/19

LiveReport
Pixies - UK & Europe Tour 2019 - Bologna 11/10/19

Recensione
Nick Cave & The Bad Seeds - Ghosteen

Videointervista
Lacuna Coil: Cristina Scabbia, Andrea Ferro

Recensione
Lacuna Coil - Black Anima