Blaze Bayley
December Wind

2018, Blaze Bayley Recordings
Acustico

Recensione di Federico Falcone - Pubblicata in data: 13/11/18

Su Blaze Bayley è stato detto di tutto. Dai promettenti esordi dietro al microfono dei Wolfsbane fino all'ascesa agli Iron Maiden con cui ha realizzato due album. Dischi che, però, fatte salvo le dovute eccezioni, sono disconosciuti dalla maggior parte dei fan della Vergine di Ferro. Non è stato il periodo d'oro della band di Steve Harris (su questo siamo tutti d'accordo) e, sicuramente, Blaze è stato l'uomo fortunato nel posto fortunato al momento sfortunato. Punti di vista, direbbe qualcuno. Ma per il nativo di Birmingham, gli anni trascorsi come erede di Bruce Dickinson hanno rappresentato l'apice di una carriera che ha conosciuto più bassi che alti.


Dopo essere stato cacciato però mai del tutto decollata. Anzi, cadute e ricadute sono state pane quotidiano. Ma, facendo leva su tutto l'orgoglio British che scorre nelle proprie vene, nel corso degli anni ha saputo guadagnarsi la stima dei suoi colleghi e della maggior parte dei metalhead grazie a una tenacia invidiabile, una sincera e pura passione verso il proprio lavoro e, soprattutto, una voglia di gettare il cuore oltre l'ostacolo che non si può che definire commovente. Come quando, nel lontano 2008, ha dovuto patire il dramma della morte della moglie Debbie, avvenuta esattamente 24h prima della pubblicazione dell'album "The Man Who Would Not Die". Ed anche durante uno dei momenti più bui della propria vita, Blaze era lì, a mantenere fede al suo patto di devozione verso l'heavy metal. Sempre al suo posto, dietro un microfono. Novembre 2018 segna il ritorno sulle scene del singer grazie all'album "December Wind", scritto insieme al chitarrista Thomas Zwijsen e prodotto dalla Blaze Bayley Recordings. E, siccome le sorprese sono sempre dietro l'angolo, l'ex Maiden ci stupisce con un disco acustico composto da tredici tracce che, tutto sommato, si ascolta piuttosto piacevolmente. La voce di Bayley è profonda, a tratti suggestiva e carica di trasporto. Brani come "2Am" (presa direttamente dall'album "The X Factor" del 1995) e la title track sembrano scritte appositamente per questo full-length. L'esecuzione di Zwijsen è per palati raffinati: pulita, precisa, perfettamente bilanciata tra momenti in cui deve accentare un determinato passaggio e momenti in cui, invece, deve lasciare spazio alla voce del cantante inglese. Il duo è affiatato e stimolato all'idea di dare una lettura - in chiave acustica - a brani che, fino a non molto tempo prima, venivano eseguiti a decibel elevatissimi. Tra gli episodi più riusciti dell'intero album sicuramente la cover di "Sign Of The Cross" degli Iron Maiden (anch'essa tratta da "The X Factor"), il cui incidere è, a tratti, da pelle d'oca. Così come "Eye Of The Storm", "Miracle On The Hudson" e "We Fell From The Sky", brani veramente accattivanti e di grande qualità.


Nell'universo Blaze Bayley, un disco acustico mancava e questo va a colmare quel vuoto posto all'interno di una carriera che avrà avuto anche tanti alti e bassi, ma che sicuramente non difetta di coraggio e onestà. E questo è un valore che in pochi hanno e che a lui va riconosciuto. Sarà, forse, anche per questo motivo che ascoltare nuova musica targata Blaze non può che far scattare qualcosa di positivo in chi ha avuto modo di seguirlo nel corso di questi anni di onorata militanza heavy metal. Welcome back, man!





01. Eye Of The Storm
02. Love Will Conquer All
03. 2AM
04. Miracle On The Hudson
05. December Wind
06. We Fell From The Sky
07. The Crimson Tide
08. The Love Of Your Life
09. Stealing Time
10. Russian Holiday
11. Soundtrack Of My Life
12. One More Step
13. Sign Of The Cross

Intervista
Opeth: Fredrik Åkesson

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming di "Il Primo Uomo Sulla Luna"

LiveReport
Nightwish - Decades World Tour - Assago (MI) 04/12/18

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming de "Il Vento"

Speciale
PREMIERE: guarda il video di "Nowhere Latitude"

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming di "Handle With Care"