Lazybones Flame Kids
Beyond

2019, Antigony Records
Post Rock

Talento, maturità ed emozioni si intrecciano nel secondo album dei Lazybones Flame Kids.
Recensione di Mattia Schiavone - Pubblicata in data: 01/05/19

Tra i panorami musicali di nicchia in Italia, quello post rock si è dimostrato, soprattutto negli ultimi anni, sempre più vivo e attivo, grazie a band giovani e talentuose tra le quali possono essere annoverati anche i Lazybones Flame Kids. Il quintetto in questione nasce a Sassari nel 2013 e dopo alcuni anni di gavetta pubblica il buon esordio "LFK". La band, passati alcuni anni in cui ha evidentemente preso consapevolezza dei propri mezzi, è tornata in studio degli ultimi mesi, componendo e registrando le sette tracce che vanno a formare il secondo album, "Beyond".

 

Il maggior pregio del lavoro consiste in una grande maturità nel gestire il complicato equilibrio tra songwriting di qualità e il lato puramente emotivo. Sconfinando in un genere di solito incentrato sulle emozioni, il quintetto riesce ad elaborare le chiare influenze di band come i This Will Destroy You, proponendo una formula personale ed efficace, permeata da una dolce malinconia, che accompagna buona parte delle tracce. Luce e colori si inseguono a vicenda nelle parti più delicate, come nelle distorsioni più lancinanti e i brani, pur essendo quasi interamente strumentali, riescono a comunicare moltissime sensazioni all'ascoltatore. A differenziarsi ulteriormente, i Lazybones Flame Kids inseriscono in alcuni pezzi un cantato recitato, che in ogni caso va ad amplificare quanto comunicato con la parte strumentale. Ne sono gli esempi migliori tracce come la malinconica "That One Is Cacus" e la conclusiva e splendida "Will There Be An End?". Più canonica è invece la title track, che apre il lavoro ed è in grado di catapultare l'ascoltatore in un'atmosfera onirica grazie al magnifico arpeggio che caratterizza tutto il brano, durante il quale calma e tempesta si susseguono senza soluzione di continuità. In un album in cui nessuna delle canzoni in tracklist abbassa la media complessiva, forse a brillare maggiormente di luce propria è la doppietta "Seven Kings Of Rome" e "A Part Of You", che in 15 minuti vanno a formare un egregio riassunto di come dovrebbe suonare una band post rock. Dolce e malinconica, la prima delle due tracce si costruisce lentamente fino alla grande esplosione finale, mentre "A Part Of You" sono le distorsioni più dure a essere protagoniste, in un saliscendi di suoni ed emozioni.

 

In contrasto con la massima secondo cui il secondo album è il più complicato, i Lazybones Flame Kids mettono la firma su un lavoro maturo e ben costruito. Il talento della band viene messo in risalto con le intuizioni personali, che differenziano le tracce da una semplice emulazione dei grandi nomi del post rock internazionale. Con un album del livello di "Beyond", il quintetto ha dimostrato di poter dire la propria nello sfaccettato panorama post rock nazionale.





01. Beyond
02. Greek Fire
03. That One Is Cacus
04. Morning Hope
05. Seven Kings Of Rome
06. A Part Of You
07. Will There Be An End?

Speciale
Sei valide ragioni per partecipare al Copenhell

LiveReport
Sziget 2019: la 27esima rivoluzione dell'amore - Budapest 07/08/19

Intervista
Twilight Force: Alessandro Conti (Allyon)

Recensione
Equilibrium - Renegades

Recensione
Slipknot - We Are Not Your Kind

LiveReport
Metal for Emergency 2019: Anthrax, Destrage & more - Filago 04/08/19