Tora Tora
Bastards Of Beale

2019, Frontiers Music
Hard Rock

Recensione di Giovanni Ausoni - Pubblicata in data: 22/02/19

L'etichetta Frontiers contribuisce, da sempre, a rendere ancora speciali gruppi dismessi da lungo tempo, invogliandoli a registrare materiali inediti: continuando sulla scia di fortunate operazioni di recupero storico sovente prodighe di risultati di grande rilievo, come nel recente caso dei Jetboy, la label italiana, nel 2017, convinse i membri originari dei Tora Tora a riprendere in mano gli arnesi del mestiere per un nuovo album in studio. E così, dopo due opere di buona levatura composte tra la fine degli Eighties e l'inizio degli anni '90 quali "Surprise! Attack" e "Wild America" e una terza, "Revolution Day", incisa, ma mai pubblicata, la band di Memphis torna a battere il ferro caldo dell'hard rock più sanguigno con "Bastards Of Beale": i nostri rinunciano alle tentazioni glam, pur moderate, del passato, e preferiscono inanellare pezzi intrisi di blues e american roots, alternando, a brani sporchi e carichi di groove, mid-tempo robusti e ballad caliginose. Tradizionale e moderno al medesimo istante, il lavoro appare, per freschezza e spessore, il frutto di quattro esperti musicisti che sembrano non aver affatto interrotto il proprio percorso artistico.
 
"Sons Of Zebedee" e "Giants Fall" tracimano polvere e Dirigibile, "Everbright" colpisce per chimica e insolenza, con la voce di Anthony Corder e la sei corde di Keith Douglas che sanno, istintivamente, quando far combaciare alla perfezione angoli e circonferenze. Comunica grinta e una certa urgenza zeppeliniana "Silence The Sirens", mentre i sapori country di "Son Of A Prodigal Son", la meditazione acustica di "Lights Up The River", lo stomp di "Let Us Be One" e il boogie di "All Good Things" fungono da prelibati stuzzichini al piatto forte del lotto, ovvero quella "Rose Of Jericho" grondante torrido e nostalgico rock'n'roll. In coda, dopo il singolare instrumental prog "Vertigo", tocca alla spensieratezza della title track mettere la parola fine a un LP coinvolgente e di inaspettata effervescenza.
 
Perché, dunque, "Bastards Of Beale" funziona? Semplice: i Tora Tora suonano ciò che amano, si divertono e non si spaventano di fronte al rischio di trattare una materia abbondantemente eviscerata da colleghi coevi e contemporanei. D'altronde, seguire il comandamento "Jagger and Richards, Plant and Page, they were the ones that carried the flame" equivale a schivare il pericolo del fallimento. 

 





01. Sons Of Zebedee
02. Giants Fall
03. Everbright
04. Silence The Sirens
05. Son Of A Prodigal Son
06. Lights Up The River
07. Let Us Be One
08. All Good Things
09. Rose Of Jericho
10. Vertigo
11. Bastards Of Beale

Speciale
Il Rock compie 65 anni: come tutto ebbe inizio

Recensione
Rammstein - Untitled

Speciale
Rammstein: il track by track del nuovo album

Recensione
Whitesnake - Flesh & Blood

Intervista
Extrema: Tommy Massara

LiveReport
Metallica - Worldwired Tour 2019 - Milano 08/05/19