Audrey Horne
Youngblood

2013, Napalm Records
Hard Rock

Recensione di Fabio Petrella - Pubblicata in data: 21/02/13

Alzi la mano chi almeno una volta nella vita ha desiderato ingannare la curvatura del tempo e viaggiare in eoni lontani. Alzi anche l’altra mano chi tuttora sogna di azionare i circuiti temporali della DeLorean e accelerare sperando d’imbattersi in una scarica di 1,21 gigawatt e poi, puff, sparire nei secoli. Ma se nella realtà queste fantasie appaiono fanciullesche e vagamente utopiche, nella musica non si può dire lo stesso. Basta difatti accordare la chitarra e suonare uno a caso tra gli storici riff del rock per raggomitolare gli anni e sentirsi come un ricciuto capellone con la barba alla nazzarena nella bolgia di Woodstock.
 
Gli Audrey Horne, sotto questo punto di vista, accusano particolarmente i fendenti della nostalgia, e li soffrono a tal punto da sentire il bisogno di commemorare un’epoca che tengono cara e che non c’è più. E come farlo, se non con la musica? “Youngblood” - quarto disco dell’euforico quintetto formatosi a Bergen nel 2002 – è la nuova tappa del felice viaggio temporale intrapreso dagli scampaforche norvegesi, che confermano di avere più di un diavolo per capello. Gli elementi caratterizzanti del platter non sono - diciamocelo sinceramente - propriamente originali, ma non intaccano la riuscita dell’opera perché il tributo ai miti del rock e del metal classico è talmente manifesto da non poter esser considerato sotto un’ottica discriminante. Si parli dunque di collage premeditato più che di plagio senz’anima (e lascio a voi trovare le sottili differenze). Ma una volta concesso spazio alla musica, che conta molto più delle vane parole, ogni sofisma lascia il tempo che trova e gli Audrey Horne ci corrompono l’animo con la loro intraprendenza. Brani diretti, incisivi, versatili e predisposti al mutamento per non annoiare. L’opener “Redemption Blues”, “Straight Into Your Grave”, “Cards With The Devil” o ancora la frizzante “Pretty Little Sunshine” mostrano un appeal ammiccante e un sound energico e di sicuro impatto. Ma per tutta la durata del disco si ha la sensazione di trovarsi ad ascoltare qualcosa di compiuto: dagli evidenti richiami blueseggianti alla più ruvida componente rock, tutto appare come un quadro ben definito e studiato, fatto appositamente per coinvolgere e levare i pugni al cielo. Nulla che faccia gridare al miracolo, chiaro, ma l’alta tensione è assicurata. L’unica faccenda da tenere bene in mente è di raggiungere Doc nell'ora e nel luogo convenuto dove sta per cadere il fulmine.
 
Contaminazione ed energia, stile e spensieratezza, sicurezza dei propri (valentissimi) mezzi. “Youngblood” è la carta che completa il poker d’assi degli Audrey Horne. Da non perdere.




01. Redemption Blues

02. Straight Into Your Grave

03. Youngblood

04. There Goes A Lady

05. Show and Tell

06. Cards With The Devil

07. Pretty Little Sunshine

08. The Open Sea

09. This Ends Here

10. The King Is Dead

LiveReport
Loud And Proud Fest - Paderno Dugnano (MI) 09/11/19

LiveReport
Opeth - In Cauda Venenum Tour - Milano 09/11/19

LiveReport
Jethro Tull - 50 Anniversary Tour - Roma 07/11/19

Speciale
Quiet Riot: Hollywood Cowboys

Intervista
Blind Guardian Twilight Orchestra: André Olbrich

Recensione
Blind Guardian Twilight Orchestra - Legacy Of The Dark Lands