Arkona
Decade Of Glory

2013, Napalm Records
Folk Metal

Recensione di Fabio Petrella - Pubblicata in data: 30/04/13

Mi sono sempre immaginato gli Arkona come una band di turpi boscaioli; ma il ritratto ruvido di nerboruti uomini delle foreste non fa proprio al caso dei nostri paladini del pagan metal russo, in verità capeggiati dalla bella Masha Arkhipova, fanciulla ingiustamente meno nota di altre prime donne del metallo. Le forme aggraziate della cantante rientrano tra i pregi della band insieme alla indiscussa laboriosità: sei album in studio e un live in dieci anni di attività sono un bottino che farebbe invidia a qualsiasi filibustiere della Tortuga. Più affaccendati del minatore e conterraneo Stachanov, gli Arkona celebrano il proprio decennale di operosità con un doppio album live sterminato come una foresta di conifere: "Decade Of Glory".
 
Il sound dei moscoviti è un mosaico resinoso che nasce dai boschi e le torbiere della taiga: la componente black si mescola alle influenze della musica slava alla stregua di mangrovie in un acquitrino. Ma nonostante l’appeal delle armonie tradizionali dell’Est la proposta degli ex Hyperborea non è di facilissimo approccio e “Decade Of Glory”, che riassume con liceità l’intera carriera della band fino ad oggi, manifesta una certa ostilità anche se supera con un grande balzo la prova della registrazione dal vivo, che in alcuni casi può impoverire il suono. L’antologia, composta da trentuno tracce registrate durante uno show tenutosi a Mosca (con un coro di nove persone a supporto, due coristi e quartetto d'archi), comprende sia i brani più famosi che quelli di seconda fascia, alternati tra loro come muschi e licheni nel sottobosco. Similmente a banchi di nuvole sospinti dalle correnti si intrecciano brani crudi e potenti a estratti dal retaggio magico e solenne, recitati come un’invocazione dalla passionale Arkhipova. Il denominatore comune è sempre il folk che con la sua musicalità spezza la compattezza del black, alleggerisce la struttura delle canzoni e ne facilita l’ascolto.
 
Intraprendere il percorso musicale di “Decade Of Glory” (160 minuti) è come salire a bordo del treno che parte da Mosca e arriva a Vladivostok: un viaggio interminabile ma di sicura suggestione.




CD1

01. Az´
02. Arkaim
03. Ot Serdca K Nebu
04. Goi, Rode, Goi!
05. Leshiy
06. Zakliatie
07. Marena
08. Liki Bessmertnykh Bogov
09. Nevidal
10. Kolo Navi
11. Slavsia, Rus´!
12. Kupala I Kostroma
13. Odna
14. Sva
15. Kupalets
16. Katitsia Kolo

CD2

01. Kolyada
02. Skvoz´ Tuman Vekov
03. Maslenitsa
04. V Tsepiakh Drevney Tainy
05. Slovo
06. Bol´no mne
07. Pamiat
08. Arkona
09. Po Syroi Zemle
10. Oh, Pechal´-Toska 1
11. Yarilo
12. Stenka Na Stenku
13. Vyjdu Ja Na Voljushku
14. Rus’
15. Zov Predkov

LiveReport
Archive - 25th Anniversary Tour - Roma 03/12/19

LiveReport
Alter Bridge, Shinedown, The Raven Age - "Walk The Sky" Tour 2019 - Assago (MI) 02/12/19

Intervista
The Low Anthem: The Low Anthem

Speciale
Music Industry e innovazione tecnologica: la blockchain come strumento per rivoluzionare il mercato

Speciale
Alter Bridge: la nostra top 20

Speciale
Pink Floyd “The Later Years 1987-2019”