Burn After Me
Aeon

2016, Nuvi Records
Progressive Metalcore

Il viaggio ultraterreno per antonomasia raccontato efficacemente tra ritmiche irregolari e scorci melodici notevoli.
Recensione di Roberto Di Girolamo - Pubblicata in data: 03/10/16

La "Divina Commedia" di Dante Alighieri ha da sempre ispirato pletore di artisti e il suo fascino ha attecchito più volte anche nel mondo del metal, soprattutto grazie alla cantica dell'Inferno. Questa volta è toccato a una formazione di Arona soddisfare la sete delle numerose muse richiamate dal viaggio ultraterreno più famoso della storia della letteratura. I Burn After Me, proprio come la storia che raccontano in questo disco, emergono dall'oscurità passando dall'essere una semplice band metalcore al rilasciare un disco completo e progressivo come "Aeon".

 

Innanzitutto va segnalata la sua efficacia nel trasmettere l'idea di movimento celeste: con lo scorrere della tracklist - e l'avvicinarsi al Paradiso - l'ascoltatore percepisce il suono che gradualmente ingloba venature più ariose e lucenti, in piena coerenza con il concept trattato. Il songwriting è poi intriso di un certo dinamismo di fondo grazie ai giochi ritmici che, traslati direttamente dalla metrica del poema, vengono utilizzati per caratterizzare i tempi e le suddivisioni ritmiche delle tre sezioni principali (Inferno, Purgatorio e Paradiso) e i relativi gruppi di brani che le compongono. Questo dimostra come l'ensemble si sia tangibilmente sforzato per differenziare e caratterizzare il suono e la personalità dei singoli capitoli, aspetto che anche band decisamente più navigate tendono a tralasciare quando si cimentano in opere ambiziose di questo tipo. 

 

Il lavoro va ascoltato e dunque esaminato in maniera globale, ma tra i pezzi presenti nel lotto svettano sicuramente "Lustful", il cui mood tragico si lega a poliritmie e riff stoppati, "Right Fit", la cui voluta incertezza armonica iniziale sfocia poi in soundscapes colorati e una eterea ma solida "Angels". Moltissimi sono inoltre i passaggi in cui l'intensità musicale raggiunge veri e propri picchi, come durante la melodia centrale della conclusiva "Empyrean". Eppure, dall'oscurità dell'opener "Cocytus" fino all'ultima nota, la progressione sul pentagramma è a sua volta legata a doppio filo con una direzione stilistica sempre pertinente a se stessa ma senza mai essere ripetitiva, caratteristica davvero notevole per una giovane formazione.

 

 
Passando poi al mero lato sonoro, la produzione è pulita e nitida come dovrebbe in un disco di questo genere. Ogni strumento è infatti al posto giusto e ogni frequenza è innestata in un quadro olistico che raffigura un'immagine piena e ben architettata.
 
 
Concludendo, "Aeon" è un disco più che valido che sicuramente porterà i Burn After Me all'attenzione di una nuova schiera di potenziali followers in tutto il mondo, terreno e non.




01. Cocytus
02. Chasm
03. Phlegethon
04. Lustful
05. Head Bowned
06. Sewn Shut Eyes
07. Right Fit
08. Chaste Kiss
09. Beatrix
10. Fixed Stars
11. Angels
12. Empyrean

Speciale
PREMIERE: guarda il video di "Irene"

Intervista
Rainbow: Ronnie Romero

Recensione
Linkin Park - One More Light Live

Recensione
Bruce Springsteen - The River

Speciale
Rock in Roma 2018

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming di "Universi Alternativi"