PGA - Italian Punks Go Acoustic
Italian Punks Go Acoustic... For Good

2013, Rude Records
Punk Rock

Recensione di Eleonora Muzzi - Pubblicata in data: 10/03/13

“Punk Goes Acoustic” è un'iniziativa non del tutto nuova nel mondo del punk rock. La prima delle due compilation uscite a livello internazionale è infatti datata 2003, e l'iniziativa sbarca ora in Italia grazie a Rude Records, che raccoglie alcuni dei migliori talenti punk italiani e dà loro carta bianca per reinterpretare alcuni dei grandi classici del punk rock, con risultati vari ed eventuali, ma decisamente piacevoli. Il fatto che tutti i proventi delle vendite digitali tramite iTunes saranno devoluti in beneficenza aggiunge qualche punto al tutto.

Ma veniamo al succo della questione. “Italian Punks Go Acoustic... For Good” contiene diciassette brani suonati dai più svariati artisti, pezzi presi al limite della casualità e senza una predilezione generale per una band o un'altra (anche se i Ramones e i Clash si prendono una bella fetta di brani tutti per loro) o per un periodo di pubblicazione (abbiamo “God Save The Queen” assieme a “Holiday” e “The Kids Aren't Alright”, subito prima di “London Calling”) e apparentemente non è stato tracciato nessun limite e nessun paletto stilistco è stato impostato a chi ha partecipato. Esempio lampante è la sopracitata “God Save The Queen”, che prende un tono quasi swing, con un po' di ska infilato qui e lì, o sempre la già nominata “The Kids Are Alright”, che con le chitarre acustiche e il pianoforte al posto dell'override, nonché la voce femminile al posto di Dexter che urla nel microfono, cambia completamente faccia, rivelando il suo lato intimistico e quasi apocalittico che nell'originale è portato avanti solo dal tristissimo testo basato su esperienze vere e vissute, mentre l'aspetto musicale è quello solito dello skate punk. Passando per le mani di Jack Jaselli, per esempio, “London Calling” prende una piega folk inaspettata, idem vale per “I Believe In Miracles”, che dismette i panni di brano “inc*zzoso” e veste quelli di ballad acustica che credo pochi saprebbero immaginarsi. Tra gli highliths, la versione di “I Don't Want To Grow Up” qui contenuta che non stonerebbe ad una festa country, quadriglia compresa.

C'è da dire però che non tutto è oro ciò che luccica. Ci sono anche cover meno riuscite, o riuscite per nulla. Una di queste è, spiace dirlo, “I Fought The Law” ad opera dei Finley. Non perchè sia brutta, ma perchè, al contrario delle altre sedici sorelle, perde completamente la carica iniziale del brano dei Clash. Le altre versione, benchè svestite del “grezzume”, passatemi il termine, punk e riverniciate con toni più pacati, mantenevano un che di energico. Questa cover invece, che ricorda moltissimo le versioni acustiche delle canzoni contenute in “When You're Through Thinking Say Yes” degli Yellowcard, violino compreso, rallenta troppo e diventa altro. Non è “Punk Goes Acoustic” ma “Acoustic E Basta”. Non brutta, ma neanche bella come la seguente “American Jesus”.

Tirando le somme, il progetto è interessante, c'è poco da fare. Un ritorno al periodo in cui si impara a suonare uno strumento e, a volte, pur di imparare una canzone, anche se è piena di chitarre elettriche e distorsioni, la si suona ugualmente così, in versione unplugged, perchè così ci piace. E, come già detto, il fatto che tutti i proventi vengano devoluti in beneficenza non fa che aumentarne il valore, sebbene non cambi il voto. Un’idea da sviluppare un po' meglio per certi aspetti, magari, ma sicuramente buona.





01. Jack Jaselli - I Believe In Miracles
02. Finley - I Fought The Law
03. Andrea Rock, Luca Zogo & Kappa - American Jesus
04. Jim GO - State Of Grace
05. The Bollocks - God Save The Queen
06. La collisione - Pet Sematary
07. Jack Jaselli - London Calling
08. 4th 'N Goal - Penguins And Polar Bears
09. Doubledecker (Edo Rossi) - The Kids Aren't Alright
10. Veronal - The KKK Took My Baby Away
11. Out of date - Handful Of Redemption
12. La Collisione - Guns Of Brixton
13. Andrea Rock, Kappa & Edo Rossi - Holiday
14. Mike Fenu - Start Today
15. The Bollocks - Emi
16. Attila & Walter Fest - I Don't Want To Grow Up
17. The Wetdog - Straight To Hell

LiveReport
Lamb Of God - Self Titled Album Global Stream - Richmond, Virginia 18/09/20

LiveReport
Black Anima - Live from the Apocalypse 2020 - Milano 11/09/20

Recensione
Napalm Death - Throes Of Joy In The Jaws Of Defeatism

Speciale
L'angolo oscuro #9

Recensione
Finntroll - Vredesvävd

Recensione
Marilyn Manson - We Are Chaos