Twisted Sister
Metal Meltdown

2016, Loud & Proud Records
Hard Rock

Una delle band che ha fatto la storia del rock è pronta a stupire ancora.
Recensione di Simone Maurovich - Pubblicata in data: 22/07/16

E ci sono tutti gli ingredienti per scrivere un nuovo capitolo: energia, potenza e voglia di riprendersi quel posto che per troppo tempo hanno lasciato vacante.
I Twisted Sister infatti hanno registrato la loro data del 30 Maggio 2015 tenutasi all’Hard Rock Casino di Las Vegas e che hanno racchiuso nel loro ultimo lavoro dal titolo Metal Meltdown; 90 minuti esplosivi per festeggiare i 40 anni di carriera della band proveniente da New York.
 
 
E lo sono sin dal primo momento in cui si schiaccia il tasto play; dall’apertura urlata al pubblico presente – “We Are Twisted (fucking scandito con i fan) Sister” - al lancio del brano che apre il live, ovvero What Do You Want.
Lo show è stato dedicato alla memoria dello storico batterista A.J. Pero, deceduto tragicamente due mesi prima della registrazione della data.
I fan dei Twisted Sister potranno essere, grazie a questo dvd, testimoni di uno dei più grandi concerti svoltosi lo scorso anno.
JayJay French, chitarrista della band, a tal proposito ha detto: “Abbiamo deciso di continuare i nostri show per tutta l’estate del 2015, per non parlare di questa performance celebrativa, avvenuta subito dopo la scomparsa di A.J. Avevamo bisogno di fare gruppo e centrarci di nuovo. Tutti quanti sono stati grandi. Tutti i promoter delle varie date europee ci hanno messo a nostro agio e hanno detto che qualunque cosa la band avesse deciso sarebbe stata capita”.
Il 2016 ha però visto ufficialmente l’ingresso del nuovo percussionista del gruppo american. Si tratta di Mike Portnoy ex batterista dei Dream Theater, qui alla sua prima apparizione con il gruppo. 
Alla fine crediamo che A.J. avrebbe voluto essere con noi e che Mike Portnoy sia stata una grossa parte di questa decisione. La performance è stata registrata due mesi dopo la morte di A.J. e i grandi quattro, Dee, Eddie, Mark e me, non volevamo nessuno dietro di noi che non fosse A.J. Questo concerto è dedicato alla sua memoria, tanto è vero che abbiamo tagliato e proiettato sullo schermo un suo assolo di batteria” ha aggiunto lo stesso French.
 
 
E il tocco potente di Portnoy si avverte in ogni brano, poiché riesce a tenere il ritmo forsennato di ogni traccia senza la minima sbavatura. 
La voce di Dee Snider è quella che conosciamo: graffiante e acuta ma che sa tenere toni estremamente bassi come nel caso di The Beast.
Le chitarre di Jay Jay French e di Eddie “Fingers” Ojeda regalano virtuosismi degni delle migliori montagne russe sonore, mentre il basso di Mark “The Animal” Mendoza disegna i contorni di ogni brano dando la giusta profondità ad ognuno di essi.
Il momento di massima commozione si ha quando tutta la band si ferma e solo la voce di Snider tributa un sentito omaggio all’amico e compagno di tanti viaggi A.J.Pero: “Questa sera è una sera speciale, ma non è una serata triste. Abbiamo perso il nostro batterista, il nostro amico – dice il frontman con la voce rotta dall’emozione – I nostri cuori sono distrutti, ma A.J. vive per il rock” Da brividi ve lo posso garantire.
Come per cavalcare l’onda emozionale ecco partire I Wanna Rock, forse il brano più rappresentativo del gruppo americano che incendia l’Hard Rock Casino e manda in visibilio i fan.
 
I Twisted Sister sono tornati e, con un Mike Portnoy così, potranno sicuramente vivere una seconda giovinezza.





1. What Do You Know
2. The Kids Are Back
3. Stay Hungry
4. The Beast
5. Shoot ’Em Down
6. You Can’t Stop Rock And Roll
7. I Believe In Rock And Roll
8. Under The Blade
9. I Am (I’m Me)
10. We’re Not Gonna Take It
11. The Fire Still Burns
12. The Price
13. Burn In Hell
14. A.J. Pero Tribute
15. I Wanna Rock
16. Come Out And Play
17. S.M.F.

Recensione
Epica - Omega

Recensione
Alice Cooper - Detroit Stories

Speciale
L'angolo oscuro #19

Intervista
Epica: Mark Jansen

Intervista
Sirenia: Emmanuelle Zoldan

Intervista
Pale Waves: Heather Baron-Gracie