Masterplan
Far From The End Of The World (Single)

2010, AFM Records
Power Metal

Recensione di Davide Panzeri - Pubblicata in data: 15/04/10

Non c’è due senza tre, e il quattro vien da sé”, così recita un famoso detto nostrano che la maggior parte di voi conoscerà. Ebbene sì, gli scandinavi Masterplan giungono alla fatidica quarta tappa, anche se quella che state leggendo è la mini recensione del singolo che apre all’imminente album intitolato “Time To Be King” La novità principale (e fondamentale) è il ritorno al microfono del biondocrinito Jorn Lande, che aveva lasciato la band in favore di Mike DiMeo, mai troppo lodato dalla critica e dai fan (ricordiamo il semi-insuccesso di MKII). Per il resto la formazione è rimasta la medesima e vede Roland Grapow (ex-Helloween) alla chitarra, Mike Terrana (ex-Rage) alla batteria, Jan-Sören Eckert al basso e Axel Mackenrott alle tastiere.

Il singolo consta di 3 tracce totali per 2 brani inediti. La canzone apripista è “Far From The End Of The World” (oltre a essere l'omonimo titolo del singolo, ci è proposta nella canonica combo single+album version) che non si discosta dal passato e ripropone una mistura di hard rock e power metal di cui i Masterplan sono indubbi maestri e portavoce. La voce di Jorn contribuisce a rendere il tutto più graffiante e grezzo (passatemi il termine), peculiarità che si amalgama benissimo in “Lonely Winds of War”, mid-tempo di pregevole caratura che potrebbe tranquillamente passare per una canzone rubata ad uno dei primi due album della band.

I presupposti per un grande album ci sono tutti insomma (sperando che la copertina sia meglio di questa), il ritorno di Jorn ha sicuramente giovato al gruppo e quindi non ci resta che attenderne l’uscita. 




Speciale
"A Celebration of Endings": i Biffy Clyro raccontano il nuovo album

Speciale
L'angolo oscuro #6

Intervista
Creeper: Will Gould

Intervista
Deep Purple: Steve Morse

Intervista
Imperial Triumphant: Zachary Ilya Ezrin

Recensione
Haken - Virus