Job For A Cowboy
Genesis

2007, Metal Blade Records
Death Metal

Recensione di Stefano Risso - Pubblicata in data: 28/03/09

Quattro anni fa, laggiù nell'Arizona, alcuni adolescenti formavano una band. Tre anni dopo il primo demo, quei ragazzi, ora poco più che adolescenti, impazzano sulla scena estrema con il loro debutto discografico. Un salto che li ha portati vertiginosamente nei piani nobili della musica, passando dall'autoproduzione a una grande label come la Metal Blade, dall'anonimato alla ribalta mondiale, assumendo il ruolo di principale attrazione nei tour in cui la band ha partecipato, supportati da una veste grafica di livello superiore e con la possibilità di collaborare con nomi del calibro di Andy Sneap per il mixaggio e il mastering del disco. Un'esagerazione? Niente affatto.

Alla luce di Genesis, possiamo tranquillamente affermare che questa scalata è giustificata ampiamente dalla musica dei Job for a Cowboy, dalla capacità di questi giovanissimi musicisti di regalarci uno dei dischi più belli di questo 2007 (e non solo), dimostrando una maturità artistica fuori dal comune. Se con il precedente ep Doom, i nostri si erano presentati con un biglietto da visita brutal-core molto ben congeniato, con Genesis i nostri spostano l'ago della bilancia verso la radice prettamente brutal del proprio sound, vincendo, anzi, stravincendo sulla concorrenza. Tecnica, ferocia, gusto melodico, fantasia, tutto sparato alla massima velocità, con una personalità da far invidia a band ben più navigate. I Job for a Cowboy stupiscono per la capacità di saper districarsi al meglio in un terreno dove è facilissimo cadere in fallo, non tanto per la violenza sprigionata a fiumi, ma quanto nell'intelligenza dimostrata da questi ragazzi nel saperla distribuire all'interno dei brani.

Un riffing snello, estremamente variegato, dinamico, muscoloso, che concilia i frangenti maggiormente brutal oriented, votati alla devastazione pura, e il retaggio "core" ancora presente, con la ricerca di atmosfere groovy e morbidangeliane, piazzando l'assolo melodico al punto giusto, il passaggio ad effetto per dare maggior respiro al pezzo, o la classica mazzata in blast beat. Una padronanza tecnica eccelsa unita a un songwriting fra i migliori ascoltati ultimamente, fanno di Genesis un disco micidiale, un lavoro di quelli che creano davvero dipendenza, in cui ogni canzone ha un suo perchè, un particolare spunto, un passaggio illuminante che ci spinge ad ascoltare l'album senza correre minimamente il rischio di annoiarsi. Anche perchè i Job for a Cowboy non ce ne danno neanche il tempo (oltre al motivo) piazzando in apertura un trittico spaventoso: Bearing The Serpent's Lamb mette in chiaro le coordinate stilistiche del platter, lasciando a Reduced to Mere Filth il compito di primo highlight, con un brano che ci catapulta nel giro di pochi secondi da atmosfere eleganti e oscure, a deliri dal flavour industriale, seguita da Altered From Catechization, dove fanno capolino (oltre alla consueta violenza) anche riff sinuosi tanto cari a Trey Azagthoth e compagni. Dopo il breve intermezzo strumentale Upheaval, si riparte con un'altra tripletta da urlo, su cui svetta a mio avviso la settima Martyrdom Unsealed, impreziosita da un break strumentale splendido. Ma la qualità è tale che rende impossibile estrapolare un singolo episodio dalla tracklist, che, dopo la seconda strumentale Blasphemy, propone l'opprimente The Divine Falsehood, in cui compaiono anche tastiere in sottofondo, chiudendo in bellezza con l'ennesima piccola perla, Coalescing Prophecy.

Genesis è dunque il classico fulmine a ciel sereno, un disco al quale è praticamente impossibile obiettare qualcosa, con l'unico neo sulla durata contenuta, in cui sono stati inseriti anche due intermezzi che non aggiungono nulla. Inezie comunque, per una band che con scaltrezza ha dimostrato di saper sfruttare il fenomeno MySpace per farsi pubblicità, e che ha saputo ripagare le enormi aspettative nel momento della verità. Laggiù nell'Arizona... terra di Job for a Cowboy... se una chitarra suona... nasce una nuova stella nel firmamento del death metal!



01. Bearing The Serpent's Lamb

02. Reduced to Mere Filth

03. Altered From Catechization

04. Upheaval

05. Embedded

06. Strings of Hypocrisy

07. Martyrdom Unsealed

08. Blasphemy

09. The Divine Falsehood

10. Coalescing Prophecy

Speciale
"A Celebration of Endings": i Biffy Clyro raccontano il nuovo album

Speciale
L'angolo oscuro #6

Intervista
Creeper: Will Gould

Intervista
Deep Purple: Steve Morse

Intervista
Imperial Triumphant: Zachary Ilya Ezrin

Recensione
Haken - Virus