Empire Of The Sun
Walking On A Dream - Special Edition

2009, Virgin/EMI
Elettronica

Recensione di Fabio Rigamonti - Pubblicata in data: 01/12/09

Forti di enormi consensi sia da parte di pubblico che di critica (11 nominations agli ARIA Awards di quest’anno, tanto per citare l’ultima impresa), non potevano certo mancare all’appello dei repack natalizi degli album di maggior successo dell’anno gli australiani Empire Of The Sun.

Innanzitutto una doverosa precisazione: se pensate che questo duo sia limitato, nella proposta musicale, a quel synth pop leggero e commerciale dei due singoli-tormentoni di “Walking On A Dream” e “We Are The People”… Beh, temo che rimarrete fortemente delusi da ciò che questo debut album ha da dire. La proposta di Luke Steele e Nick Littlemore va molto al di là, arriva addirittura in certi frangenti a ricordare altri celebri duo dell’elettronica d’oltralpe, ovvero i primi lavori degli Air e le cose più sintetiche (e meno funky) dei Duft Punk.

Detto questo, vediamo nel dettaglio ciò che questa edizione speciale di “Walking On A Dream” ha da offrirci. Sostanzialmente ben poco. Sono lapidario, e me ne scuso, ma ci sono artisti che sanno offrire piatti ben più succosi, in veste delle festività, dei loro album di successo (Lady Gaga su tutti, che praticamente include nel suo celebre “The Fame” anche un altro quasi-album - il “Monster” - di 8 tracce). Gli inediti qui sono ben pochi: l’iniziale  e corrosiva “Breakdown” (già disponibile come bonus track su iTunes), quindi la ballata vintage ed estremamente sintetica, molto 70’s nel flavour, di “Romance To Me” e, infine, un’altra ballad, “Girls”, stavolta più tradizionale nel suo essere confezionata per pianoforte e voce, con echi di elettronica che ricreano un mood molto siderale. La conclusiva “Etude” non è altro che un outro della canzone precedente, dove tornano a fare eco quei sapori orientaleggianti che da sempre animano gli Empire Of The Sun, anche nella loro immagine.

Tutto il resto è ciò che ci si aspetta da una band elettronica: remix e nuove versioni di “vecchi” brani che possono soddisfare esclusivamente i fanatici del suono e del gruppo, coloro che, in pratica, sono alla ricerca continua di nuove vesti ed accessori che possano fornire nuovi spunti a canzoni già conosciute e celebri.

Troppo poco, in definitiva, quello che è presente sul secondo disco di questa edizione per giustificare un nuovo acquisto da parte di chi quest’album già lo possiede. D’altro canto, chi sinora si è sentito affascinato da questo duo e non ha ancora provveduto all’acquisto dell’opera, oggi lo può fare incentivato da un disco aggiuntivo che, nel bene e nel male, fa sempre piacere avere in collezione. Tutto qui.



CD 1

01. Standing on the Shore
02. Walking on a Dream
03. Half Mast
04. We Are the People
05. Delta Bay
06. Country
07. The World
08. Swordfish Hotkiss Nite
09. Tiger By My Side
10. Without You

CD 2

01. Breakdown
02. Romance To Me
03. Walking On A Dream – Sam La More 12” Remix
04. Standing On The Shore – Losers Remix
05. We Are The People – Shapeshifters Vocal Mix
06. Without You (New Version)
07. Swordfish Hotkiss Night – Fron Mezza Remix
08. Standing On The Shore – Hey Today! Remix
09. Walking On A Dream – Ben Watt Remix
10. We Are The People – Shazam Remix
11. Girl
12. Etude

LiveReport
Loud And Proud Fest - Paderno Dugnano (MI) 09/11/19

LiveReport
Opeth - In Cauda Venenum Tour - Milano 09/11/19

LiveReport
Jethro Tull - 50 Anniversary Tour - Roma 07/11/19

Speciale
Quiet Riot: Hollywood Cowboys

Intervista
Blind Guardian Twilight Orchestra: André Olbrich

Recensione
Blind Guardian Twilight Orchestra - Legacy Of The Dark Lands