Killer Klown
Gain

2009, Street Symphonies Records
Hard Rock

Recensione di Simone Castelli - Pubblicata in data: 15/05/09

Hard rock italiano. Fino a pochi giorni fa questo accostamento mi avrebbe fatto storcere un po' il naso, solo perchè noi del Bel Paese abbiamo la brutta abitudine di voler "nazionalizzare" troppo. Con alcuni generi può andare bene, ma con l'hard rock, nella sua essenza più pura, non lo concepisco. Dicevo "fino a qualche giorno fa"; poi ho ricevuto il disco di debutto dei Killer Klown, e mi sono dovuto ricredere.


"Gain", questo il titolo dell'album, è un viaggio nel tempo, ma ben aggrappato al presente. Chiudendo gli occhi sembra di ascoltare vecchi brani dei Mötley Crüe, dei Bon Jovi o degli Skid Row; insomma, uno street rock come da tempo non se ne sentiva.

Parlavo di "ancorato al presente", perchè, seppure le sonorità siano vecchie di più di vent'anni, la band di Verona è riuscita a modernizzare il tutto lasciando al passato solo l'ispirazione. Fin dal primo brano si percepisce la carica di cui è dotato il quartetto, ma è con la seconda traccia, "Bloody Velvet" che si capisce chi sono stati il loro veri ispiratori. I brani, in tutto undici, si alternano piacevolmente, scoprendo lentamente ogni sfaccettatura del gruppo: la possente "Big Town", la lenta "Broken Silence" e la goliardica "Joker", solo per citarne alcune.

Volendo cercare difetti, possiamo riscontrarli nell'uso eccessivo dei piatti da parte del batterista, che alcune volte risultano fastidiosi; inoltre il mixaggio non impeccabile rischia di sminuire l'opera, se ascoltata attraverso un stereo di bassa qualità. La prima volta che ho avuto modo di sentire il cd è stato attraverso uno stereo portatile ed esso è risultato piatto e monotono, ma una volta ascoltato su un impianto professionale sono finalmente riuscito ad apprezzare nei minimi particolari questo "Gain".


Un grande debutto per i veronesi, un disco ricco di energia che non mancherà di esaltarvi. Se questo è l'esordio, non oso immaginare cosa ci riserveranno in futuro.





1.Monster Idiot
2.Bloody Velvet
3.Troical Desease
4.Big Town
5.Broken Silence
6.Too Bad
7.Joker
8.Smoke This
9.Acid Rain
10.Gangastar
11.Demolition Man

LiveReport
Sziget 2019: la 27esima rivoluzione dell'amore - Budapest 07/08/19

Intervista
Twilight Force: Alessandro Conti (Allyon)

Recensione
Equilibrium - Renegades

Recensione
Slipknot - We Are Not Your Kind

LiveReport
Metal for Emergency 2019: Anthrax, Destrage & more - Filago 04/08/19

Speciale
Le rinascite di Bruce Dickinson